Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo

Amazon vuole espandersi ancora di più nel mondo del fresco. Non solo con Amazon Fresh, che consegna in giornata i prodotti deperibili anche a Milano e in 34 comuni dell’hinterland meneghino, ma diversificando l’offerta e andando oltre Amazon Restaurants (che però non è disponibile in Italia). Se l’acquisto della catena fisica Whole Foods è cosa fatta per quasi 14 miliardi di dollari presto il colosso di Seattle lancerà anche un servizio di consegna a domicilio di kit pronti per essere composti e cucinati. Un po’ quello che fa in America Blue Apron o, in Italia, Fanceat.

Il primo passo

Un primo passo era già stato fatto l’anno scorso grazie all’accordo con Tyson Foods. Adesso, però, Amazon sembra voler entrare direttamente nel settore: TechCrunch ha infatti scoperto una serie di nuovi brand registrati da Amazon mentre indagava con tutt’altro obiettivo, quello di individuare l’eventuale registrazione del nome di una nuova app di messaggistica a cui il “negozio del mondo” starebbe lavorando.

Al contrario, sono saltate fuori inedite, possibili funzionalità nel mondo del food

Leggi anche: La sfida a WhatsApp e Facebook, le ambizioni, il mercato. I perché di Anytime, la chat di Amazon

Noi lavoriamo, tu fai lo chef

Su tutte lo slogan, piuttosto esplicito, “We do the prep. You be the chef”, cioè “Noi prepariamo, tu sei lo chef” o qualcosa di simile che si riferirebbe proprio a un servizio di meal kit simile a quello offerto da numerose piattaforme, specialmente negli Stati Uniti, dove la più nota Blue Apron si è appena quotata in Borsa.

Il kit

Il servizio è descritto in modo stringato: “Kit con cibo preparato fatto di carne, pollame, pesce, frutti di mare, frutta e/o verdure e anche con prodotti di stagione e salse, pronto per essere cucinato e composto come un pasto completo”. Ma offrirà anche “pasti congelati, preparati e confezionati, macedonie e insalate, zuppe e preparazioni per zuppe”. Probabilmente in collaborazione con una serie di volti noti del settore o chef popolari.

No-line meal kits

Nei mesi scorsi la compagnia aveva registrato altre varianti del recente slogan come “We prep. You cook” oppure “No-line meal kits”. Come se non bastasse, esisterebbero altri marchi o slogan commerciali registrati da Amazon Technologies legati al cibo: almeno 110. La parte del leone la fa uno dei cibi più amati negli Stati Uniti, il burger, con molti slogan come “single cow burger” e legati a un prodotto già in vendita con Amazon Fresh. A proposito, Fresh dovrebbe funzionare da veicolo anche per i meal kit. Probabilmente, spiega TechCrunch, un banco di prova – insieme agli snack, le zuppe, le patatine e i tè di cui avevamo parlato – per capire se il comparto dei cibi pronti possa o meno funzionare. Anche in virtù dell’acquisizione di Whole Foods.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi