Amazon Go e le altre tendenze del food per il 2017 (cannabis alimentare compresa)

Un sistema alimentare tradizionale troppo complesso e fragile, l’impatto positivo degli investimenti nel foodtech, il nuovo approccio di Amazon Go: ecco cosa ci aspetta il prossimo anno

Previsioni per il 2017? Proviamo a farle anche nel food, con un occhio (anzi di più) al mercato. Phil Lempert, uno dei contributor più autorevoli di Forbes, prova a vederci chiaro. Secondo Lempert il 2017 promette di essere fra i più emozionanti e innovativi nella storia del cibo, per quello che riguarda la vendita al dettaglio, la tecnologia della produzione alimentare, i contesti di vendita e anche le comunicazioni al consumatore. Ecco in sintesi i tre trend principali del food individuati.

1. Silicon Valley & Food

CB Insights stima che oltre solo nel 2016 sono stati investiti in startup e progetti alimentari più di 1 miliardo di dollari. Perché la Silicon Valley ama il food? Il cibo soddisfa i requisiti di sostenibilità per gli investimenti e ha il potenziale per avere impatto. Kimbal Musk attraverso la community Kitchen ha parlato proprio del potenziale di investimento, sottolineando come quello cibo sia dieci volte più grande rispetto al mercato globale del software. Imprenditori alimentari hi-tech come Rob Reinhart (CEO di Soylent) pensano inoltre che «il sistema alimentare è troppo complesso e fragile. Le aziende agricole poi sono inefficienti a causa delle condizioni climatiche e del lavoro».

2. Amazon Go e gli altri

I supermercati tradizionali da un decennio continuano a perdere quote di mercato e clienti. I nuovi rivenditori di generi alimentari glieli stanno rubando con un approccio diverso. Aldi, Lidl e Amazon GO sono il futuro e hanno messo in chiaro come alta qualità, prezzi bassi e convenienza preparino il terreno per la vendita al dettaglio. Insomma, sanno come comunicare.

3. Tè verde e cannabis

Enchanced foods o alimenti migliorati, molto più di una semplice aggiunta di proteine ai prodotti. I trend ruotano intorno alla Matcha, una varietà di tè verde, a burro, barbabietole, vegetali e, sì, anche alla cannabis alimentare (un mercato stimato di 22 miliardi di dollari entro il 2020). Ci sono già salmoni affumicati alla cannabis, stufati di gamberi, uova alla diavola, barrette, tavolette di cioccolato, olii alla cannabis e biscotti sul menu, anche nei ristoranti di lusso, come Sinsemil.la di New York.

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli