Che cos’è Wickedly Prime, il nuovo brand di Amazon

Dopo il caffè e i prodotti per l’infanzia il colosso di Seattle lancia un nuovo brand commerciale proprietario per snack e bevande. E coltiva un nuovo modello di supermercato multipiattaforma pronto a lanciare ovunque

Piano piano, negli Stati Uniti e dunque in modo meno visibile ai mercati europei, Amazon sta diventando una specie di Coop o Conad. Anzi, di Walmart. Nel senso che dispone anche di una buona quantità di prodotti a marchio commerciale, come diremmo in Italia. Insomma, realizzati da partner ma brandizzati con il proprio logo o con un nome comunque scelto internamente e nuovo di zecca.

919id-tp-l-_sy500_

Dopo aver lanciato nel corso del 2016 Happy Belly, brand per il caffè, e Mama Bear per i prodotti alimentari della prima infanzia, nei giorni scorsi è stato lanciato Wickedly Prime. Un nuovo brand che stavolta non cerca di nascondere le intenzioni ma – con la dicitura Prime e il sorriso a freccia tipico del colosso di Seattle arricchita di una linguetta ingolosita – si svela in tutta la sua novità.

Di cosa si tratta? Di una linea di prodotti disponibili solo per gli abbonati Prime, che in questo senso potranno fare così una spesa premium. L’assortimento parte con una serie di snack, dalle mandorle alle tortilla di patate o di farina di mais blu fino ai popcorn. Ma promette di allargarsi.

71wv7zwu3l-_sl1500_

La nostra passione è quella di provare e condividere i migliori sapori della terra: così abbiamo voluto creare una nuova linea di cibi e bevande singolari, disponibili solo per i membri di Amazon Prime” si legge sulla pagina. Quando saranno disponibili in altri mercati è una domanda relativa: come sempre, infatti, Amazon è impegnata a preparare un nuovo modello. Quando sarà pronta – come accaduto con Fresh o con Pantry – lo distribuirà ovunque la propria, pachidermica catena logistica possa supportarlo.

91dljk-k2ol-_sl1500_

Si va dunque molto oltre i vecchi brand – quelli sì disponibili anche in Italia – Amazon Basics ed Amazon Elements, legati a prodotti non alimentari. Il quadro, per molti osservatori, lascia diverse strade aperte alla creatura di Jeff Bezos: oltre al classico e-commerce, anche la possibilità di sondare il terreno dei negozi fisici.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come tre italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

Brandless, il supermercato digitale senza marchi (dove costa tutto 3 dollari)

L’obiettivo è democratizzare l’accesso a prodotti di livello proponendo un prezzo corretto e sostenibile, dicono i fondatori. Al posto di loghi e marchi le principali caratteristiche dei prodotti. E presto arriveranno nuove linee, sempre a prezzo fisso e “no brand”

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi