Fast food, 8 gadget hi-tech che vorremmo sempre (anche in Italia)

Dal proiettore low-cost al secchiello di pollo fritto che stampa foto dello smartphone: rassegna di diavolerie da fast food sperimentate in giro per il mondo. Con cui ci piacerebbe avere a che fare

È vero: i fast food non saranno il massimo in termini di ingredienti, pietanze e servizio. Però, ogni tanto, qualche divisione internazionale di questi colossi partorisce dei gadget tecnologici (o quasi) da leccarsi i baffi. Piccoli aggeggi che sarebbe bello diventassero la normalità in tutti i punti vendita, magari anche in Italia, spesso distante da queste iniziative nonostante sia un Paese di telefonomani.

landscape-1448273804-dominos-emergency-pizza-button-2

Cose inutili ma affascinanti

Proiettori low-cost per lo smartphone, tavoli intelligenti che permettono, oltre alla connessione Nfc, anche la ricarica wireless, secchielli di pollo fritto che stampano Polaroid e tante altre diavolerie nella sostanza inutili ma nel complesso, in quel momento, quando sei al tavolo del locale o ricevi l’ordine in casa, straordinariamente affascinanti. DigitalSpy ne ha raccolte alcune viste negli ultimi tempi, dagli Stati Uniti alla Germania passando per il Giappone. Ecco quali sono. Mai più senza.

1. Domino, bottone d’emergenza per pizza

Un tasto, un po’ sulla falsa riga di quello inventato da Amazon, per ordinare la tua pizza preferita con un solo clic. Si chiama Domino’s Easy Order Emergency Pizza e si collega direttamente al negozio più vicino alla propria abitazione, ovviamente tramite il Wi-Fi casalingo. Si tratta in realtà di un’amenità per vip e influencer dei social, ce ne sono solo una cinquantina in circolazione. Ma esiste un’applicazione che fa più o meno la stessa cosa.

1259758663672405320

2. KFC, la tastiera Bluetooth

La scelta ideale quando hai le mai inzaccherate di fritto. Ci hanno pensato alcuni locali tedeschi della catena KFC sostituendo le tovagliette con delle tastiere sottili e arrotolabili che trovi nei vassoi. Ovviamente ricaricabili, puoi (anzi, devi) portarle a casa dopo il pasto.

3047225-poster-p-1-pizza-box-is-also-a-smartphone-operated-movie-projector

3. Pizza Hut, proiettore per smartphone

Incluso in un’edizione limitata di Pizza Hut battezzata Blockbuster Box. Il cartone della pizza si trasforma in un proiettore grazie a una lente plastica, per ingrandire le immagini lanciate sul telefono. Ci hanno provato a Hong Kong con quattro diversi design, legandoli a quattro diversi film da scaricare. Occhio però: la scatola va pulita con cura, prima d’infilarci lo smartphone.

3016709-poster-mcd

4. McDonald’s, il tavolo Nfc

Anche i ristoranti stanno cambiando molto. Il gadgeting, chiamiamolo così, va oltre le confezioni. Ecco perché a Singapore i tavoli del McDonald’s sono stati dotati di tag Nfc e ribattezzati Happy Tables. Questo consente ai clienti più piccoli di utilizzarli per giocare in modo interattivo direttamente col proprio telefono.

29906170001_4384488245001_thumb-Buzz60video6999519988499383821

5. KFC, il secchiello stampante

Per i suoi sessant’anni la catena ha modificato l’anno scorso i suoi secchi per il pollo fritto nascondendo nella base una mini stampante per smartphone. Bastava sincronizzare il telefono e mandare in stampa gli scatti preferiti: venivano sfornati in tempo reale dal contenitore. Magico.

starbucks-wireless-charging-0001-1500x1000

6. Starbucks, la ricarica wireless

Altro grande incubo dei malati di smartphone è la durata della batteria. Diversi negozi di Starbucks in giro per il mondo, compreso il Regno Unito, hanno iniziato a installare pad per la ricarica senza fili sui tavoli.

kfciphone

7. KFC, le orribili custodie giganti

Ancora KFC, stavolta in Giappone. Si tratta di disgustose custodie per l’iPhone a forma di alette di pollo giganti. All’epoca in cui furono lanciate eravamo al 5s. L’ingrediente trash della rassegna.

Pepsi-Phone-P11

8. Pepsi, lo smartphone P1

Lo scorso autunno Pepsi ha lanciato in Cina il P1, uno smartphone Android dual Sim con display Full HD da 5,5 pollici, spesso 7,7 millimetri e con una serie di altre interessanti caratteristiche come una fotocamera posteriore da 13 megapixel, un processore MediaTek octacore da 1,7GHz e 2 GB di Ram.

Ti potrebbe interessare anche

Posate intelligenti per mangiare meglio

Dalla Cina all’Europa: bacchette e forchette tecnologiche che ci aiutano a tenere sotto controllo le nostre abitudini alimentari

Cucina tech/4. Ecco 5 gadget per chi ha poco tempo

Dalla stampante 3D da 1000 euro allo smistatore automatico di rifiuti, alla pentola intelligente gestita via smartphone: 5 gadget tech per chi ha poco tempo in cucina

App e sensore (da makers) per un tè a prova di infusione. Ecco Teap

Dalla Maker Faire Rome è uscita anche Teap, app e sensore per la temperatura di infusione del tè. E’ il progetto di 4 universitari makers. Nel futuro? Forse una startup: “Di sicuro non ci fermiamo…”

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)