Quomi, accordo con Barilla per le ricette dei “meal kit”

Due proposte a settimana firmate dall’Academia Barilla da preparare in 30 minuti e con prodotti di prima qualità. Altro passo di un gigante nel food delivery degli ingredienti porzionati

Siamo proprio nel pieno del boom del food delivery di secondo livello. Quello dei “meal kit”, i pacchi con gli ingredienti di qualità già dosati e spesso in parte preparati per iniziare subito a cucinare. Magari impreziositi dalle particolari ricette proposte da chef noti e stimati. Una strada che ha convinto New York Times ed Amazon. Adesso anche Quomi, la startup dell’incubatore Digital Magics fondata da Daniele Bruttini e Andrea Bruno, si butta nella mischia. Grazie a una partnership di livello: quella con l’Academia Barilla, il primo centro internazionale fondato a Parma per diffondere e promuovere la cultura gastronomica italiana nel mondo.

Schermata 2016-05-16 alle 12.35.14 copia

Due ricette a settimana

Cosa succederà? Esatto: ogni settimana tra le ricette proposte da Quomi – cioè quelle per le quali acquistare e farsi recapitare gli ingredienti – ce ne saranno almeno due studiate dagli chef dell’Academia Barilla. In questo modo gli ingredienti freschi e di stagione incontreranno la creatività e i prodotti eccellenti della casa emiliana. In esclusiva per l’Italia, su Quomi si troverà fra l’altro la pasta Academia Barilla realizzata con monograno 100% italiano accuratamente selezionato, pastificato in purezza e trafilato al bronzo per tenere al meglio la cottura esaltando ogni sugo.

Le ricette saranno semplici da preparare, pronte in 30 minuti e da ordinare sul sito entro il venerdì, di modo da vedersi recapitare gli ingredienti necessari per prepararle il martedì successivo. Questo perché Quomi lavora con produttori eccellenti ed esclusivi selezionati in tutta Italia senza intermediari, garantendo la freschezza dei prodotti in consegna con un contenitore isotermico e gel refrigerante.

Schermata 2016-05-16 alle 12.34.43 copia

Le opportunità di crescita

“Per Quomi questo accordo è una grande opportunità di crescita – hanno detto i fondatori di Quomi – lavorare a stretto contatto con Barilla, l’azienda che più di ogni altra ha diffuso la cultura del cibo italiano nel mondo, ci permette di accrescere il know-how di tutto il nostro team e ci conferma che stiamo andando nella direzione giusta per rivoluzionare il modo di cucinare degli italiani. Siamo orgogliosi che il Gruppo Barilla abbia creduto nella nostra azienda: essere stati scelti da Barilla significa per noi il riconoscimento di qualità e affidabilità dei nostri prodotti e servizi”.

quomi

Come funziona Quomi?

Ma come funziona Quomi? Ogni settimana gli utenti (con una sorta di abbonamento leggero che possono però sospendere quando preferiscono pagando solo quello che acquistano) possono scegliere i loro piatti selezionando fra sette ricette. Quomi fa la spesa, seleziona i migliori prodotti e li consegna a casa o in ufficio nelle giuste dosi e con le istruzioni per la preparazione. Si parte da 4 euro a porzione, spese di spedizione incluse. Un prezzo in effetti competitivo, forse uno dei più competitivi in circolazione. Qui l’elenco di tutti i fornitori.

Quomi_desktop

“Tra i team di Quomi e di Academia Barilla si è creata una straordinaria sintonia su questo progetto, costruita sulla passione per il bello e il buono della cucina italiana – ha spiegato Francesco Pantò, global ready meals director di Barilla – pur avendo storie diversissime, e forse anche per questo, abbiamo trovato un’intesa immediata su come sviluppare insieme una proposta capace di coniugare tradizione e innovazione in un modo così semplice e naturale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Barilla, la pasta del futuro passerà per una stampante 3D

Il colosso parmense presenta a Cibus il prototipo della sua stampante 3D che potrebbe finire in case e ristoranti. Fra i nuovi formati possibili con la macchina, “rose”, “lune” e “vortipe”

Editoria e cibo, ora anche il New York Times si butta sul food delivery

Il colosso dell’editoria Usa stringe un patto con la startup Chef’d per la consegna a domicilio di kit per la cucina preparati dalle ricette della sezione Cooking: “Un modo per diversificare le entrate”. Ecco i precedenti (anche in Italia)

Digital Magics scommette sul food delivery e compra il 12,5% di Quomi

Quomi, startup già attiva nel food delivery, lanciata dall’incubatore che la supporta nelle strategie (e con una quota). Mercato globale takeaway e del cibo a domicilio verso i 90 miliardi di dollari nel 2019

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Il primo viaggio dell’automobile volante del papà di Google

Kitty Hawk è stata sviluppata in Silicon Valley ed è un veicolo completamente elettrico in grado di muoversi per il momento solo sull’acqua per motivi di sicurezza. Presto potrebbe aiutare a superare il problema della congestione del traffico cittadino

Accordo tra Colombini e la startup Sweetguest per arredare le case in affitto

L’azienda di arredamento sceglie il progetto di Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola che rende l’immobile performante, mette in risalto i punti di forza della casa, si occupa della gestione del check in e anche dei lavori di manutenzione