22 milioni sulla carne prodotta in laboratorio: Bill Gates e Richard Branson investono nella Memphis Meats

Dopo il round di Impossible Foods, il fondatore di Microsoft investe nuovamente in una startup che punta sulla carne prodotta artificialmente. Memphis Meats parte dalle cellule animali per produrre carne “reale”

Carne prodotta in laboratorio. Carne vera, ma artificiale, in grado di andare incontro alla sensibilità dei vegetariani e ai principi vegani. Sembra fantascienza ma con questo progetto la startup Memphis Meats sta conquistando gli investitori e ha ottenuto un finanziamento da 22 milioni di dollari (circa 18,5 milioni di euro) convincendo anche due magnati come Bill Gates e Richard Branson, fondatori della Microsoft e della Virgin.

D’altra parte Bill Gates è da tempo interessato al tema e a inizio di agosto aveva investito la cifra astronomica di 75 milioni di dollari sulla startup californiana Impossible Foods (ne avevamo parlato qui).

“Amiamo la carne. Tuttavia il modo convenzionale di produrre carne oggi crea problemi per l’ambiente, la salute degli animali e la salute umana. Con la spesa globale per carne che si aggira sul trilione di dollari annui, e con una domanda che potrebbe raddoppiare nei prossimi decenni, una cosa è chiara: abbiamo bisogno di un modo migliore per dar da mangiare ad un mondo affamato” ha detto Uma Valeti, CEO Memphis Meats.

In che cosa si distingue Menphis Meats dalle altre

Menphis Meats non è l’unica startup a provare questa strada ma quello che la distingue è il processo di sviluppo della carne sintetica: Memphis Meats non utilizza proteine vegetali sostitutive ma “cresce” le bistecche in laboratorio cullandole nel siero fetale bovino partendo dalla selezione di bovini e suini di alta qualità dai quali vengono prelevate cellule dalla spalla o da altri punti del capo, messe appunto a coltura. Con un’incredibile riduzione del fabbisogno necessario rispetto all’allevamento tradizionale (90% in meno di acqua e terra e 50% di energia complessiva) e una diminuzione del rischio di contaminazione, stando almeno ad alcuni test condotti dalla stessa startup confrontando tagli acquistati nei negozi.

Leggi anche: Memphis Meats, la carne del futuro si alleva in laboratorio (senza uccidere neanche un animale)

Il consumo di risorse naturali

Obiettivo principale della startup è ridurre il consumo delle risorse naturali (anzitutto acqua e suolo). E’ qui che si inserisce l’idea di riprodurre la carne a partire da cellule animali.  Carne vera, partendo da cellule reali, con un metodo produttivo non basato su alimentazione e riproduzione animale. Il risultato finale è il prodotto di uno sviluppo artificiale che porta in tavola una bistecca autentica senza passare attraverso alcun animale: sono sufficienti poche cellule per “coltivare” il pezzo di carne desiderato.

Ti potrebbe interessare anche

Memphis Meats, la carne del futuro si alleva in laboratorio (senza uccidere neanche un animale)

Un’altra startup statunitense promette di farci mangiare carne senza uccidere un solo animale. Come? Con le colture in laboratorio

Flippy, il robot-burger che potrebbe rivoluzionare i fast-food

Guidato dall’intelligenza artificiale, cucina le polpette e compone i panini. Ma da Miso Robotics si affrettano a rassicurare: “Non ruberà posti, è un co-bot”

Il burger vegano di Bill Gates approda in un ristorante stellato di New York

Il ristorante Public ha cominciato ha iniziato a servire ai suoi clienti il panino completamente vegetale che riproduce alla perfezione il sapore della carne. Si chiama Impossible Burger ed è stato lanciato dalla startup californiana Impossible Food

Impossible Foods, 75 milioni di dollari alla startup del burger senza carne

Nuovo, clamoroso round per la startup californiana che ha inventato la neocarne a partire dall’eme vegetale. Di nuovo della partita anche Bill Gates

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia