Benefici per l’ambiente ma costi elevati. L’agricoltura alle prese con la drone-mania

Ogni agricoltore vorrebbe averne uno per campo, ma a cosa servono questi apparecchi e soprattutto, sono convenienti?

Agli italiani piacciono i droni. Lo si vede dal numero di persone che visitano le fiere dedicate al settore, o dalle visualizzazioni dei filmati che riprendono questi apparecchi volare all’interno di vulcani, tra i palazzi di una città, precipitare rovinosamente al suolo. E ora, anche in agricoltura, è esplosa la drone-mania. Ma come possono essere utilizzati in campagna? E soprattutto, sono convenienti?

 

Un drone per monitorare le coltivazioni

Il primo utilizzo è quello per la sorveglianza. Sui droni è infatti possibile caricare delle speciali telecamere in grado di rilevare la “fluorescenza della clorofilla”. Una radiazione luminosa che dà un’indicazione sullo stato di salute della pianta. Se una vite o un campo di mais sono in sofferenza, perché manca l’acqua o perché ci sono dei parassiti, il drone è in grado di rivelarlo. E poi sarà compito del tecnico di turno tradurre i dati raccolti in informazioni utili. Così si possono creare mappe di vigore utili a ridurre i trattamenti sulle reali esigenze della pianta. L’agricoltore potrà irrigare o fertilizzare solo la porzione di campo che lo richiede. Oppure potrà usare antiparassitari solo sulle piante che sono state davvero colpite da insetti nocivi. Un risparmio per l’azienda agricola e un beneficio per l’ambiente.

 

Ma i droni possono essere usati anche per i trattamenti delle colture. Impossibile però fantasticare su ipotetici quadricotteri che trasportano diserbanti. Il payload (peso trasportabile) è infatti molto limitato, così come l’autonomia di volo. Un drone può portare, al massimo, prodotti per la lotta biologica agli insetti dannosi e in Italia è già stato usato per il lancio di capsule contenenti i parassiti dell’insetto più temuto dai cerealicoltori, la piralide del mais.

C’è chi poi i droni li usa per monitorare i danni causati alle colture dal maltempo. Sono in particolare delle società di consulenza che fanno volare questi apparecchi per fotografare le conseguenze di grandinate, trombe d’aria e bombe d’acqua. Foto che poi sono utili nel richiedere i risarcimenti alle assicurazioni. Fin qui si è parlato dei droni come Apr (Aeromobile a pilotaggio remoto). Ma esistono anche i droni di terra, trattori in miniatura, dotati di cingoli, che si muovono in maniera autonoma tra i filari di una vigna o tra le insalate raccogliendo informazioni, misurando il vigore vegetale, l’umidità del suolo o la presenza di parassiti.

 

Infinite potenzialità, ma ridotta diffusione

Le potenzialità dei droni sono dunque enormi, ma sono davvero così diffusi in agricoltura? Non ancora. Infatti il costo di questi giocattoli è alto, le norme per farli volare complicate e la tecnologia cambia talmente velocemente che per una piccola azienda i costi superano di gran lunga i benefici.

Ad utilizzarli potrebbero allora essere i contoterzisti, quei soggetti cioè che possiedono macchinari costosi e prestano il loro servizio dietro compenso agli agricoltori. Ma anche in questo caso i costi sono difficili da ammortizzare perché mancano i clienti. La maggior parte degli agricoltori infatti non è particolarmente aperta all’innovazione e teme che utilizzare questi dispositivi rappresenti un costo, più che un investimento. Senza contare che imparare a pilotare un drone e ad interpretare i dati che raccoglie servono competenze specifiche che in Italia ancora pochi hanno.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)