Nei pub inglesi la birra è self-service e si paga col cellulare, per evitare le code natalizie

Per accorciare i tempi di attesa nei pub per la birra alla spina, Barclaycard ha lanciato il pagamento contactless [email protected] e la spina self-service

Perché rinunciare a una birra a Natale? Nel Regno Unito recarsi al pub per una pinta è una tradizione valida 365 giorni l’anno. Ma durante le festività le code per un boccale si facciano quasi insopportabili. Da questo comune fastidio nasce [email protected], il primo servizio di spillatura self-service e pagamento contactless creato da Barclaycard. La novità verrà testata sui clienti dei pub inglesi proprio durante il periodo più caldo per le code al bancone.

Barclaycard Pay @ Pump

Una pinta in tre mosse

[email protected] permetterà ai clienti dei bar di ordinare e spillare la propria pinta e pagare con carta di credito munita di sistema contactless. Questa comodità sarà permessa da una spina innovativa che ha alla sua base un display a cui avvicinare la carta per pagare, e un touchscreen in cima per scegliere il proprio drink. La spina contactless potrà essere utilizzata solo dai clienti che hanno compiuto 18 anni e permetterà di acquistare una birra in tre semplici mosse: ordina, paga e spilla. Per eseguire l’intera operazione secondo Barclaycard saranno sufficienti 60 secondi. Si seleziona la propria pinta tramite il touchscreen installato in cima alla spina. Per pagare l’ordinazione, basterà avvicinare la carta alla base della pompa di birra. Infine, si potrà spillare da soli la propria bevanda.

Il primo pub a sperimentare [email protected] sarà l’Henry’s Café Bar, nel centro di Londra.

Ridurre le code per non perdere clienti: questo l’obiettivo che si vuole raggiungere con [email protected] Secondo un’indagine condotta dall’azienda, il tempo di attesa medio che un cliente sopporta durante il periodo natalizio è di 12 minuti per ordine, che passano a 35 nelle serate festive. Il 24% degli intervistati non attende e rinuncia al suo drink proprio per le lunghe code. Il 20% invece, più coriaceo, cerca semplicemente un altro bar.

Il futuro di [email protected]

“Sono sicuro che tutti ci siamo trovati bloccati dietro qualcuno che aveva appena ordinato il cocktail più complicato sul menu o un giro di 10 drink per i propri amici”, ha dichiarato Tami Hargreaves, direttore commerciale del settore digital payment a Barclaycard. “Quando le persone ci hanno detto che l’attesa è una delle più grandi scocciature da sopportare, abbiamo deciso di risolvere questo problema comune con una semplice soluzione“. Ma Barclaycard non ha intenzione di fermarsi ai pub. L’obiettivo è diffondere il sistema [email protected] anche nei luoghi dove si organizzano concerti e festival, in modo da velocizzare il servizio grazie alla spina che trasforma i clienti, anche solo per 60 secondi, in baristi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era