Al ristorante, ma con i piatti della tradizione. Il Natale secondo TheFork

Secondo i dati dell’app che consente di scoprire e prenotare di ristoranti molti italiani prevedono di trascorrere in un locale pubblico almeno una delle ricorrenze natalizie

Il Natale con i tuoi resta un must, ma si sposta al ristorante. Il 75% degli italiani infatti prevede di trascorrere in un locale pubblico almeno una delle ricorrenze natalizie. E’ quanto risulta dall’analisi di TheFork, sito e applicazione che consente di scoprire e prenotare migliaia di ristoranti in Italia ed Europa. Non si rinuncia al pesce o alle specialità regionali tipiche del momento natalizio, ma c’è una novità: per scegliere il ristorante in cui scambiarsi gli auguri, sempre più italiani si affidano alle recensioni.

Secondo il sondaggio, condotto su quasi 700 utenti di TheFork, il 77,7% degli intervistati sceglierà il ristorante come teatro per lo scambio di auguri di rito. In più questa scelta non sarà strettamente collegata al giorno di Natale, ma in quelli immediatamente precedenti. Sarà la scarsa voglia di cucinare o l’ancor meno presente volontà di pulire la casa dopo aver ricevuto parenti e amici, ma il 75% degli intervistati ha scelto di trascorrere almeno una delle feste natalizie al ristorante: il 49,4% è sicuro che sarà Natale. La tendenza è in aumento rispetto allo scorso anno (+13%).

Natale Indagine TheFork

Vincono ancora i piatti della tradizione

Cala la scelta dei ristoranti gourmand (6,8%) proprio perché, anche se fuori casa, gli italiani per festeggiare non vogliono farsi mancare i piatti della tradizione. Via libera a tipicità regionali (55,2%) e piatti di pesce (25,6%), senza farsi mancare pasta ripiena e panettoni.

Prenotazioni con 2 settimane di anticipo

Se nel 2015 gli italiani sceglievano di affidarsi alle prenotazioni last minute, quest’anno sembra scoppiata l’ansia da tavolo. Infatti il 52% degli intervistati ha dichiarato di voler prenotare con almeno due o più settimane di anticipo. La scelta del ristorante dipenderà da recensioni e budget: per il 46,8% la scelta più frequente sembra essere un menu tra i 25 e i 50 euro. Anche ambiente e servizio faranno la loro parte, al contrario delle promozioni e della presenza di animazione, fattori quasi ininfluenti sulla prenotazione.

Natale 2016: Infografica TheFork

Natale 2016: infografica TheFork

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti