Al ristorante, ma con i piatti della tradizione. Il Natale secondo TheFork

Secondo i dati dell’app che consente di scoprire e prenotare di ristoranti molti italiani prevedono di trascorrere in un locale pubblico almeno una delle ricorrenze natalizie

Il Natale con i tuoi resta un must, ma si sposta al ristorante. Il 75% degli italiani infatti prevede di trascorrere in un locale pubblico almeno una delle ricorrenze natalizie. E’ quanto risulta dall’analisi di TheFork, sito e applicazione che consente di scoprire e prenotare migliaia di ristoranti in Italia ed Europa. Non si rinuncia al pesce o alle specialità regionali tipiche del momento natalizio, ma c’è una novità: per scegliere il ristorante in cui scambiarsi gli auguri, sempre più italiani si affidano alle recensioni.

Secondo il sondaggio, condotto su quasi 700 utenti di TheFork, il 77,7% degli intervistati sceglierà il ristorante come teatro per lo scambio di auguri di rito. In più questa scelta non sarà strettamente collegata al giorno di Natale, ma in quelli immediatamente precedenti. Sarà la scarsa voglia di cucinare o l’ancor meno presente volontà di pulire la casa dopo aver ricevuto parenti e amici, ma il 75% degli intervistati ha scelto di trascorrere almeno una delle feste natalizie al ristorante: il 49,4% è sicuro che sarà Natale. La tendenza è in aumento rispetto allo scorso anno (+13%).

Natale Indagine TheFork

Vincono ancora i piatti della tradizione

Cala la scelta dei ristoranti gourmand (6,8%) proprio perché, anche se fuori casa, gli italiani per festeggiare non vogliono farsi mancare i piatti della tradizione. Via libera a tipicità regionali (55,2%) e piatti di pesce (25,6%), senza farsi mancare pasta ripiena e panettoni.

Prenotazioni con 2 settimane di anticipo

Se nel 2015 gli italiani sceglievano di affidarsi alle prenotazioni last minute, quest’anno sembra scoppiata l’ansia da tavolo. Infatti il 52% degli intervistati ha dichiarato di voler prenotare con almeno due o più settimane di anticipo. La scelta del ristorante dipenderà da recensioni e budget: per il 46,8% la scelta più frequente sembra essere un menu tra i 25 e i 50 euro. Anche ambiente e servizio faranno la loro parte, al contrario delle promozioni e della presenza di animazione, fattori quasi ininfluenti sulla prenotazione.

Natale 2016: Infografica TheFork

Natale 2016: infografica TheFork

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Amazon dominerà presto il fintech», dice un boss di Andreessen Horowitz

Secondo Alex Rampell, general partner della società di venture capital Usa che è tra i maggiori investitori (tra gli altri) di Facebook, Amazon (con già 23 milioni di utenti che usano la sua piattaforma di pagamento) ha una strategia precisa per dominare presto il fintech

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era