Tra social eating e dating: Gnammo-Meetic, la passione vien mangiando

La principale piattaforma di social eating italiana stringe un accordo con quella di dating: fra cibo e single, le community si fondono sulla scorta delle passioni. Ecco come si muovono Gnammo e Meetic

Gnammo incontra Meetic. In fondo, sempre di passioni si parla. Quella per il cibo da una parte – anzi, il cibo consumato in compagnia – quella per la compagnia tout court dall’altra. La più grande piattaforma di social eating ha appena annunciato una partnership con quella leader in Italia per il dating. Da questo mese chi vuole incontrare nuove persone avrà dunque a disposizione una cartuccia in più: quella della buona tavola.

Gnammo Team2 sfondobianco copia

Il team di Gnammo

Come funziona la partnership

I single italiani alla ricerca vengono così integrati – se lo desiderano – alle cene organizzate dai 200mila gnammer. D’altra parte i membri di Gnammo saranno invitati ad avvicinarsi alla ricca community di Meetic con un regalo d’ingresso. Chissà che non trovino anche loro qualche amicizia all’insegna del nuovo filone che potremmo battezzare senza timore food dating.

Nuovi legami per Gnammo

“Amicizia, amore, lavoro: tutto passa attraverso le relazioni, e le relazioni si costruiscono a tavola”, spiega Gian Luca Ranno, cofondatore di Gnammo. “Da questo nasce l’unione con Meetic, che rappresenta per la nostra community una grande opportunità per intraprendere nuove sfide e stabilire nuovi legami”. La scommessa di Gnammo è quella di innovare la formula di social eating portando a tavola idee e possibilità di relazioni sempre diverse.

“Amicizia, amore, lavoro: tutto passa attraverso le relazioni, e le relazioni si costruiscono a tavola”

bis

Le cene in casa arricchiranno gli eventi di Meetic

“Da sempre Meetic offre ai single italiani le maggiori opportunità di fare nuovi incontri grazie ai servizi online e agli Eventi – serate a tema, corsi di cucina, degustazioni, appuntamenti per genitori single, gite e spettacoli teatrali – lanciati in Italia con successo da oltre un anno – ha spiegato Chiara Costa, business developer Meetic Italia – la collaborazione con Gnammo rispecchia perfettamente la nostra volontà di rispondere alle esigenze degli utenti con un ricco calendario di iniziative che permettano d’incontrare persone nuove in un’atmosfera piacevole che valorizza le passioni individuali”.

023

Come funziona

Concretamente, questa alleanza si svilupperò appunto con delle sezioni dedicate sulle due piattaforme. La community di Meetic – forte di oltre duecento eventi all’attivo con 10mila partecipanti in 15 città – vedrà fra le opportunità selezionabili anche le cene messe in piedi su Gnammo. Mentre cuochi e appassionati di cucina della startup di Ranno, Cristiano Rigon e Walter Dabbicco – incubata dall’I3P del Politecnico di Torino con 200mila utenti registrati – riceveranno una sorta di bonus per fruire di servizi sulla piattaforma.

Ti potrebbe interessare anche

Cena in torre (o in palazzi del ‘700): ecco le Special Dinner Gnammo

A tavola in palazzi esclusivi del ‘700 oppure in dimore d’arte (come una torre vicino Piazza Navona). Gnammo, il portale di social eating, ha già selezionato 100 location per una cena da sogno. A partire da Roma

Quando imparare a fare il pane può servire (anche) a conoscersi

Il food la fa sempre più da padrone, anche nelle relazioni umane. Metti per esempio una serata da single a Taste of Roma, tra acqua, farina e sguardi…

Fenomeno home restaurant, quanti sono i social cuochi

Con 20 miliardi di fatturato nel 2015, gli italiani puntano sulle specialità locali e sulla tradizione. Un successo confermato anche dalle ormai tante piattaforme tra social eating e home restaurant

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia