Il ristorante a scarto zero che combatte lo spreco alimentare

Scarti del pesce, bucce di frutta e verdura, semi e piccioli. Lo chef di Èvviva non butta via niente e racconta quanto sia facile, e gustoso, cucinare senza sprechi.

I semi della frutta? Riequilibrano la dolcezza del piatto. Le bucce di patata? Sono buonissime fritte, accostate all’hamburger. Su queste e altre “diavolerie culinarie” si basa Èvviva, un ristorante a zero spreco alimentare dove del cibo si usa tutto, dalle bucce di frutta e verdura, a semi e piccioli, fino agli scarti del pesce. Ad aprirlo, un anno fa a Riccione, sono stati il pasticcere e chef Franco Aliberti e Andrea Muccioli, figlio del celebre fondatore di San Patrignano.

EVVIVA ristorante

Franco Aliberti e Andrea Muccioli

Seguendo un percorso naturale che, secondo i due founder, tutti i ristoranti dovrebbero adottare. E riqualificando una struttura storica lasciata in stato di abbandono, il Grand Hotel di Riccione, dapprima albergo e poi, durante la seconda guerra mondiale, usato per le camerate dei soldati canadesi. Il tutto, insomma, all’insegna del recupero e della sostenibilità. Linea che Èvviva segue in particolare nella preparazione dei pasti.

Ogni elemento che viene solitamente scartato viene riutilizzato in cucina

Partendo, per esempio, dalla colazione: gli scarti degli estratti di frutta e verdura che vengono serviti come bevande, finiscono nell’impasto dei muffin alla carota, alla mela, all’arancia. I piccioli e le foglie, invece, vengono messi in infusione nell’alcol per i distillati che si servono al bar o dopo cena.

Evviva1

Un lavoro, come sostengono i due soci, “al contrario”, che non manca di lunghe ricerche e sperimentazioni: “A volte provi decine di volte a utilizzare un ingrediente e non arrivi a un risultato soddisfacente. Quando ce la fai, però, è una scoperta, vedi nascere un nuovo piatto e un nuovo modo di fare cucina”. Il “riuso” prosegue anche a pranzo e cena. I ravioli al gambero, lattughino, pomodoro e basilico sono guarniti con una polvere di carapaci fatta con i gusci del gambero, estrazione di basilico preparata anche con i gambi e frullato di pomodori. Del quale una parte si aggiunge alla preparazione di un dolce. Le bucce di patate fritte, invece, fungono da contorno sfizioso, croccante e saporito, accostato all’hamburger gourmand. Oppure vengono tostate nel forno e usate per preparare un brodo vegetale. Anche i gambi degli asparagi non si buttano, ma vengono sfruttati per insaporire la pasta dei ravioli.

Ridurre lo spreco alimentare

“Scarto zero – spiega il pasticcere – significa saper utilizzare e trasformare il più possibile parti dei prodotti che normalmente vengono buttate. Imparare a sprecare il meno possibile, utilizzando ogni materia prima nella propria integrità e interezza, e non solo per la sua parte più nobile”. Una cucina, quella di Aliberti, che si fonda su due concetti fondamentali: “Utilizzo di prodotti della terra e stagionali, semplici. È facile cucinare un piatto eccezionale con un’aragosta o del caviale, meno scontato farlo con un ortaggio” prosegue Aliberti “Non solo, io nasco pasticcere e la pasticceria è una scienza che impone dosi misuratissime e regime: mettere insieme istinto e calore con le regole pasticcere è un connubio forte. E funziona”.

Prezzi sostenibili

Nel concept di sostenibilità rientrano anche i prezzi. Il ristorante offre tre menù degustazione completi da quattro, sei o sette portate a 29, 39 o 46 euro. E l’innovazione passa anche dal menù “fisico” che comprende un pentagramma che indica quanto il piatto è dolce, salato, acido o amaro. E la scelta tra “mangio” e “assaggio”. Per dare la possibilità ai clienti di testare quanti più piatti possibili.

Ti potrebbe interessare anche

La startup contro lo spreco che ti fa risparmiare sulla spesa

Tutto iniziò con un’infornata di croissant che rischiavano di essere buttati. Oggi, Last Minute Sotto Casa conta più di 25mila iscritti in Italia

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)