Baci Perugina punta sui social e i risultati si vedono offline | The Food Makers
single.php

Ultimo aggiornamento il 8 ottobre 2020 alle 15:37

Baci Perugina punta sui social e i risultati si vedono offline

Una ricerca condotta dalla multinazionale statunitense ha evidenziato l'impatto del social network nell'aiutare Nestlé a vendere i famosi cioccolatini umbri

L’importanza di Instagram e, in particolare di Facebook, nel vendere cioccolatini. È il risultato dell’indagine condotta dal centro di ricerca Nielsen riguardo alla grande distribuzione e al largo consumo. Le due piattaforme hanno infatti dato un grande sostegno alle vendite di Baci Perugina, classico prodotto della Nestlé. Offrendo visibilità e dando la possibilità di scoprire nuovi prodotti, hanno permesso quindi di incrementare le vendite offline, con un ritorno sugli investimenti (ROI), superiore rispetto agli altri media.

© Foto: Pexels.com

Una campagna Facebook per vendere Baci Perugina

Da marzo 2018 a marzo 2020, Nestlé ha creato, attraverso il suo team di esperti, una serie di inserzioni video su Facebook, monitorando le relative statistiche. Gli obiettivi erano diversi, dal reach al brand awarness, fino a portare link al sito e dare visibilità ai video. È stata inoltre analizzata l’efficienza della campagna alla variazione della reach e della frequenza. Nel secondo anno della campagna, l’azienda ha incrementato gli investimenti, dando particolare risalto ai periodi di festività, come Natale e San Valentino.

Leggi anche:
Feat Food il pasto (migliore) servito dall’intelligenza artificiale

L’analisi della campagna e i risultati emersi

Lo studio di Nielsen è nato proprio su richiesta di Nestlé, che ha voluto vagliare l’efficacia della propria campagna Facebook. Impostata come un’analisi biennale di Marketing Mix Modelling, l’agenzia ha isolato l’impatto degli altri mezzi di comunicazione e degli input di marketing.

© Foto: Pexels.com

Il risultato ha dato ragione a Nestlé: l’impatto di Facebook è stato tale da più che raddoppiare le vendite incrementali nei negozi offline (+106%), con un ROI di 2,5 volte superiore rispetto a quello ottenuto dagli altri canali media, rispetto all’anno precedente. Una scelta azzeccata, quella di Nestlé, accolta positivamente dagli esperti dell’azienda. “Facebook e Instagram hanno avuto un ruolo cruciale nel media mix di Baci Perugina e hanno sostenuto la crescita delle vendite offline del brand, anno dopo anno”, ha dichiarato Edoardo Felicori, Media & PCE Manager Nestlé. “Abbiamo analizzato in particolare gli ultimi due anni e l’impatto dei diversi servizi media sulle vendite nella GDO. Facebook e Instagram”, ha osservato Felicori, “hanno superato i benchmark Nielsen e hanno mostrato un ROI positivo, confermando l’efficacia delle due piattaforme rispetto agli altri media”.

Leggi anche:
Da Cracco a Bowerman, gli chef d’Italia contro lo spreco alimentare

Si conferma quindi la centralità dei social network per il marketing aziendale. “Oggi per avere successo, i brand devono essere in grado di generare domanda facendo scoprire ai consumatori i propri prodotti”, commenta Valerio Perego, Sector Lead CPG, Pharma, Retail di Facebook Italia. “Le persone, infatti, si rivolgono sempre di più alle piattaforme come Facebook e Instagram per scoprire prodotti nuovi e per trovare ispirazione”. L’importanza di Facebook e Instagram, appunto, persino nel vendere cioccolatini.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter