Nutella biscuits VS Biscocrema Pan di Stelle (la sfida del biscotto) | The Food Makers
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 2 dicembre 2019 alle 9:58

Nutella biscuits VS Biscocrema Pan di Stelle (la sfida del biscotto)

Barilla ha appena annunciato i nuovi frollini ripieni di crema Pan di Stelle: i Biscocrema. In vendita da metà gennaio 2020. Ma Julia Schwoerer, vice president marketing di Barilla, precisa “non è una risposta alla competition"

Entra nel vivo la gara per aggiudicarsi il trofeo del frollino più gustoso dell’anno, e chissà della storia potremmo azzardare.

Dopo i Nutella Biscuits andati letteralmente a ruba, Barilla lancia il guanto di sfida con i Biscocrema: biscotti ripieni di crema Pan di Stelle, in arrivo sugli scaffali dei supermercati a metà gennaio 2020.

Biscocrema Pan di Stelle

“Il Biscocrema unisce la frolla al cacao dei biscotti Pan di Stelle e la nostra crema, chiuso da un tappo di cioccolato, e abbellito dalla tipica stella bianca. Ma è fatto senza olio di palma, per abbattere i grassi saturi. Sarà venduto in monoporzioni da due biscotti, per limitare le calorie (139 in tutto), perché non è un prodotto da mangiare tutti i giorni, ma per una colazione speciale, una coccola o un dopo-cena», afferma Julia Schwoerer, tedesca, vice president marketing di Barilla.

I nuovi Biscocrema arriveranno nei supermercati a metà gennaio, accompagnati da una campagna di pubblicità televisiva. La confezione da sei monoporzioni avrà un costo di 2,99 europroprio come i Nutella Biscuits.

Non è una reazione a Ferrero secondo Schwoerer, che afferma: “Non vogliamo fare la guerra dei numeri. Il Mulino Bianco di Barilla, con una quota del 37% in valore, è leader di un mercato che vale un miliardo e mezzo e non è fatto da questi biscotti indulgenti, ma da prodotti salutisti e classici”.

Sappiamo tuttavia che la concorrenza fra le due multinazionali dei biscotti è anche sul mercato delle creme spalmabili, dove la crema Pan di Stelle, diretta concorrente di Nutella e lanciata meno di un anno fa, ha conquistato “una quota di mercato del 7,5% in valore”.

Ma tornando alla mania per i Nutella biscuits, si stima che a tre settimane dal lancio siano stati venduti già 57 milioni di pezzi. Ferrero aveva previsto che i nuovi biscotti sarebbero diventati “il numero uno in Italia, con una quota tra il 5 e l’8% e un fatturato tra i 70 e i 90 milioni”. Di fatto sono ancora difficilmente reperibili in molte città, fra cui Napoli e Roma.

I numeri di Barilla

Secondo i numeri di Barilla, i biscotti più venduti al momento sono le Gocciole di Pavesi (gruppo Barilla), mentre al secondo c’è Pan di Stelle, nato nel 1983 sotto Mulino Bianco e marchio autonomo dal 2007. Lo stabilimento principale è a Melfi, in Basilicata, dove si producono 650 milioni di Pan di Stelle l’anno e lavorano 350 addetti.

Barilla ha investito 250 milioni in 30 anni, riuscendo negli ultimi 10 anni a dimezzare le emissioni di Co2 e ridurre di circa il 305 i consumi di acqua. Quest’anno il brand ha “superato i 100 milioni di fatturato, al consumo, con una crescita del 50% rispetto al 2018 che ha riguardato tutti i prodotti. La neonata Crema Pan di Stelle, diretta concorrente di Nutella, lanciata meno di un anno fa, ha conquistato “una quota di mercato del 7,5% in valore”, facendo crescere l’intera categorie delle creme spalmabili dell’11%, sempre in valore. Ha dichiarato Schwoerer in occasione della presentazione del nuovo biscotto.

E a chi insiste nel leggere questo lancio come un nuovo capitolo nella guerra dei biscotti,  Schwoerer chiosa: “Lottare per le quote a noi non interessa, a noi interessa che la categoria cresca sana. E comunque se tutte le guerre fossero fatte di biscotti il mondo sarebbe migliore”.

La guerra senza esclusione colpi tra frollini continua.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter