Cameo entra in MyCookingBox e la startup chiude un round da un milione
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 25 febbraio 2019 alle 17:29

Cameo entra in MyCookingBox e la startup chiude un round da un milione

MyCookingBox arriverà presto sul mercato con cofanetti per la preparazione di dolci ed aprirà il suo primo punto vendita a Milano

Una nuova linea di prodotti, che a breve sarà disponibile sul mercato, segna l’ingresso di Cameo come partner in MyCookingBox, la startup di Chiara Rota che consegna a domicilio ricette ed ingredienti per ricreare a casa tipici piatti regionali italiani. Ma non è solo questa la novità di questa realtà food che chiude il 2018 con un bilancio più che positivo. “Abbiamo raggiunto la quota di 1 milione di euro nel secondo round di investimento grazie ad un aumento di capitale sottoscritto tramite crowdfunding ed altri investitori, tra cui Cameo – rivela la founder, Chiara RotaVolevamo da tempo entrare nel settore dolciario, e l’azienda di torte, pizze e dessert si è dimostrata il partner ideale per riuscire ad ampliare la nostra offerta sul mercato”.

La partnership di Cameo

Non solo primi o secondi piatti. Da ora in avanti, MyCookingBox proporrà ai suoi clienti anche ingredienti e ricette tipiche di dolci e torte italiane. Il nuovo cofanetto, che entrerà in commercio a brevissimo, conterrà tutto il necessario per la realizzazione: dosi e ingredienti già calcolati secondo il numero di persone che condivideranno il prelibato dessert, da cucinare sulla base della ricetta dello chef contenuta nel box.  “Cameo è un’azienda che usufruisce di prodotti storici e tradizionali, ma con un’attenzione costante verso l’innovazione e le nuove tendenze di mercato – dichiara Margit Gamper, executive marketing manager di Cameo – In tema di food, MyCookingBox declina questi aspetti in modo creativo e originale. Pertanto, abbiamo scelto di accompagnare e implementare la crescita della startup bergamasca”. Alla base della scelta di Cameo, come rivela sempre la executive marketing manager, non c’è soltanto una finalità commerciale, ma dei valori di cui l’azienda dolciaria si fa portatrice, come la condivisione nell’inventare ricette più o meno tradizionali, nella comodità di casa propria, magari in allegra compagnia.

Il round da un milione di euro

MyCookingBox chiude il suo secondo round di crowdfunding più che in positivo, mettendo a segno un investimento da un milione di euro. Una cifra che neanche la stessa founder si sarebbe aspettata. La raccolta fondi, supportata da MamaCrowd, già a poche ore dal lancio aveva raggiunto un ottimo risultato con una cifra raccolta di 533mila euro. Un traguardo importante per questa giovane azienda che mira ad espandersi sul mercato globale, partendo dall’apertura di diversi punti vendita monomarca. Il primo, sarà nel cuore di Milano.

Una grande soddisfazione per la startup, nata nel 2015 da Chiara Rota, ingegnere gestionale che ha voluto testare la sua imprenditorialità in un settore oggi molto in voga, ma decisamente molto complicato: quello del food. Originalità e determinazione hanno, finora ripagato la scelta di Chiara, che ha appena concluso il percorso di incubazione e accelerazione con Speed MI Up.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter