immagine-preview

Set 28, 2018

Beyond Meat, il burger senza carne sbarca in Italia

La polpetta statunitense 100% da proteine vegetali arriva nelle hamburgerie bolognesi Welldone. Ed è subito polemica

Alla fine il “non burger” è arrivato anche in Italia. La rivoluzione della neocarne, decollata ormai anni fa negli Stati Uniti e che abbiamo seguito a lungo, approda anche nel nostro Paese. Grazie a Beyond Burger, la polpetta composta al 100% da proteine di origine vegetale prodotto da Beyond Meat e distribuito in anteprima in Italia dalla catena di hamburgerie bolognesi Welldone.

Come è fatto?

Di cosa si tratta? Di qualcosa che, a detta di chi l’ha già provato, ricorda in tutto e per tutto la carne. Non un banale veggie burger ma qualcosa di uguale ma diverso, di minore impatto ambientale e sulla salute. Ha infatti l’aspetto, il gusto, la succosità, il profumo e la consistenza della carne di mucca.

L’arrivo del neoburger, che si inserisce nel filone dei cibi 2.0 come la (non)maionese di Hampton Creek o gli stessi burger di Impossible Foods, ha un altissimo apporto di proteine ed è ricco di ferro quanto la carne bovina ma non contiene ogm, soia, ormoni o antibiotici ed è ovviamente privo di colesterolo e di glutine. Ideale per chiunque: sia i pescivoriani che non mangiano carne ma pesce, sia per gli onnivori che vorrebbero ridurre che, chiaramente, per vegetariani e vegani.

Più buono col pianeta

Da Welldone, la catena bolognese di hamburgerie gourmet fondata da Andrea Magelli e Sara Roversi nel 2013 inserita tra le 5 migliori hamburgerie d’Europa dal Wall Street Journal, fanno infatti sapere che il risparmio rispetto alla lavorazione della carne animale equivale al 95% di terra utilizzata, al 75% di acqua, con un abbattimento delle emissioni di gas serra dell’87%.

Da pochi giorni Beyond Burger è dunque inserito nel menu di tutti i Welldone d’Italia, dando così la possibilità di provare due ricette: il Beyond Classic e il Beyond Welldone proposti senza alcun cambiamento di ricettazioni e di prezzo, per lasciare l’esperienza del consumatore uguale nel sapore ma più ricca di salute e sostenibilità.

Il dibattito (in parte) inutile

Il lancio italiano ha sollevato il solito dibattito fra tribù di contrapposti estremismi alimentari. Ma le chiacchiere stanno a zero. Quella delle proteine di origine alternative è una scelta obbligata per il pianeta, se pensiamo che secondo la Fao entro il 2050 la popolazione mondiale aumenterà di un terzo e la Terra non avrà risorse sufficienti per sopportare un’alimentazione come quella attuale, basata prevalentemente su base animale. Basti pensare agli insetti autorizzati anche in Europa.

Se a questo si aggiunge che il 25% dei gas serra è causato dall’agricoltura intensiva e l’allevamento intensivo contribuisce al riscaldamento globale per un 40% in più rispetto a tutto il settore mondiale dei trasporti nel suo complesso, si capisce perché le diatribe sul Beyond Burger restino esercizio di stile per polemici di professione.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter