immagine-preview

Set 21, 2018

Uber vuole Deliveroo, trattative in corso

Secondo Bloomberg le due società si sarebbero sedute attorno allo stesso tavolo. Potrebbe nascere il primo player del food-delivery

Un’operazione da miliardi di dollari che al momento è solo ai primordi: Uber avrebbe avanzato una proposta di acquisizione per Deliveroo, una mossa che rilancerebbe in modo significativo il suo Eats e potenzialmente potrebbe dare vita al primo operatore del settore della consegna di cibo a domicilio. L’indiscrezione arriva da Bloomberg, che però parla di una certa “riluttanza” da parte di Deliveroo e dei suoi investitori a dare seguito alla trattativa.

L’unione fa la forza

Un marchio fortissimo negli USA, come Uber, e Deliveroo che ha fatto fortuna in Europa: uniti potrebbero crescere in modo significativo su entrambe le sponde dell’Atlantico, e a questo devono aver pensato i manager dell’azienda di San Francisco che hanno mosso i loro pezzi sulla scacchiera per provare a portarsi a casa il concorrente.

Il funzionamento delle due app è analogo: ci sono ristoranti iscritti alla piattaforma che propongono i propri menu da asporto, l’utente sceglie quel che vuole e un fattorino (a bordo di bici, monopattino, o qualsiasi altro mezzo di trasporto – piedi compresi) porterà il cibo a domicilio al prezzo di un sovrapprezzo percentuale sul costo dell’ordine e una tariffa fissa per ciascuna corsa.

Riuscire a far scalare il proprio delivery per Uber sarebbe molto importante: in vista della quotazione a Wall Street, prevista per il 2019, rafforzare questo verticale potrebbe garantire un significativo aumento di valore per le azioni.

Una questione di investimenti e investitori

Le principali resistenze a questa mossa, a quanto dice Bloomberg, vengono dagli investitori di Deliveroo: la prospettiva di vedere la loro creatura assorbita dalla concorrenza non pare li renda particolarmente felici, visto anche che Stati Uniti a parte (dove di fatto non opera) nel resto del mondo la crescita di Deliveroo procede in modo piuttosto spedito.

Va anche sottolineato che, sebbene si parli di acquisizione miliardaria, lo scorso anno soltanto Deliveroo ha raccolto investimenti per 480 milioni: una cifra che porta il totale raccolto nei round a sfiorare gli 860 milioni di dollari. Complesso riuscire a garantire a tutti una exit remunerativa, ed è dunque inevitabile pensare che la prospettiva di perdere un business che sta scalando in fretta possa non risultare particolarmente attrattiva.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter