La startup Eatsready raccoglie 1,2 milioni di euro grazie alla sua app per ordinare via smartphone | The Food Makers
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 30 marzo 2018 alle 12:26

La startup Eatsready raccoglie 1,2 milioni di euro grazie alla sua app per ordinare via smartphone

In soli 6 mesi la realtà fondata da Giacomo Alpago ha chiuso partnerships con più di 170 ristoranti solo a Milano

Eatsready, la realtà fondata da Giacomo Alpago, Paolo Vismara, Fabio Manola e Luciano De Franco ha appena chiuso un round di investimento di 800 mila euro, portando la raccolta totale a più di 1.2 milioni di euro. Vincente, dunque, l’applicazione che, sull’onda della tendenza “mobile order & pay” arrivata in Italia da Oltreoceano, permette di pre-ordinare piatti, pagandoli on line, evitando file alla cassa e permettendo di scegliere comodamente da casa l’ora e il giorno per la consumazione del pasto.

 

 

Gli investitori

Tra gli investitori sono presenti: Riccardo Bruno (Presidente del consiglio di amministrazione), Maria Elena Cappello, Boost Heroes, Copernion (Venture Capital internazionale con sede in Spagna), Davide Corradi, Francesco Signoretti, SAF Venture. L’operazione è  stata seguita da Angelo Romano e Giulia Bergamasco dello studio legale La Torre Morgese Cesare Rio.

 

 

 

I progetti per il futuro

L’amministratore delegato, nonché co-fondatore, di Eatsready, Giacomo Alpago, afferma che: “I fondi serviranno ad espandere il team, aumentare la presenza in più città, sviluppare nuove funzionalità come un programma di loyalty, diventando così sempre più vicini alle esigenze dei clienti a beneficio della nostra community, con l’obiettivo – conclude il manager – di diventare sempre di più una lifestyle app”.

 

 

Come funziona Eatsready

L’applicazione della startup italiana consente all’utente, anzitutto, di trovare i ristoranti nelle vicinanze attraverso la mappa interattiva, quindi è possibile consultare i menu, scegliere e personalizzare il proprio ordine e pagare indicando l’orario di arrivo. Una volta inviato l’ordine, si riceve la conferma dal ristoratore attraverso una notifica. A questo punto, è possibile usufruire delle corsie preferenziali per evitare qualsiasi attesa alla cassa, identificandosi tramite il Pick-up Point dotato di tecnologia NFC e QR code. Eatsready ha già stretto accordi con più di 170 locali solo a Milano, tra cui: God Save the Food, Pescaria, Hamericas, I Love Poke, C’era una volta una Piada, Fatto bene Burger e molti altri. Chi volesse saperne di più consulti il loro sito.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter