La startup che paga le persone per consegnare cibo (anche i gelati) nel tempo libero, Foodracers
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 17 giugno 2016 alle 15:39

La startup che paga le persone per consegnare cibo (anche i gelati) nel tempo libero, Foodracers

Foodracers già consegna a domicilio i piatti dei migliori ristoranti. Ora ha stretto una partnership con Grom e porterà in casa anche il gelato

La voglia di gelato cresce anche grazie al food delivery. Mentre il settore supera il valore di 400 milioni di euro, come riporta il Sole24ore, cresce anche la richiesta di gelato a domicilio, con un +8% pari a 170 mila tonnellate di prodotto consumato a casa nel 2015. Di questa rivoluzione domestica sono protagonisti anche i progetti innovativi, come la startup trevigiana Foodracers, che ha appena stretto una partnership con Grom.

foodracers

Grazie a una rete di racers (persone selezionate a livello nazionale), viene effettuato il servizio di consegna a domicilio di piatti creati e cucinati nei migliori ristoranti delle città. La novità è che i racers non sono vincolati da turni, ma mettono a disposizione il loro tempo libero. Il modello sembra funzionare: in 6 mesi Foodracers ha registrato un aumento degli ordini del 30%. Grazie a un app, si seleziona prima la zona di consegna e poi, scegliendo dal menu online, la gelateria servita nei dintorni. Si piazza l’ordine (tramite smartphone, tablet o pc) che viene notificato ai Racers disponibili. Il cliente può anche lasciare un feedback sul servizio ricevuto, che fa salire il rating dei fattorini.

Foodracers

Foodracers ha puntato fin dalla sua nascita alla consegna di prodotti di qualità nelle case italiane. Dopo 6 mesi di attività, è attiva in 15 città: Bologna, Ferrara, Mestre, Padova, Pavia, Reggio Emilia, Rovigo, Treviso, Trieste, Udine, Vicenza, Trento, Piacenza e Pordenone. Grazie alla partnership con Grom, ora è in grado di far arrivare sulle tavole dei propri clienti il gelato “fatto come una volta”.

«Un importante passo per l’azienda torinese che si inserisce in una strategia volta all’innovazione continua, all’attenzione per la genuinità dei prodotti e alla volontà di intercettare le preferenze e le necessità del consumatore. Questa filosofia porterà Grom ad aprire quest’anno una decina di punti vendita in Italia e all’estero» fanno sapere da Foodracers.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter