L'acceleratore russo di startup gastronomiche guarda a noi
single.php

Ultimo aggiornamento il 4 novembre 2015 alle 16:08

Quell’acceleratore (russo) di startup gastronomiche che guarda a noi

Acceleratore di startup dell'agroalimentare, investirà 14 milioni di euro per nuovi prodotti, e 30 per due centri (uno in Europa). Perché Mabius viene dalla Russia. E si è presentato in Italia...

Un acceleratore di startup del settore alimentare. È russo, ma è venuto in Italia a presentarsi. A Expo. Un modello che sembra quasi «strano» per la Russia, non certo Paese che fonda le radici della sua cultura sul cibo. O forse che semplicemente dovrebbe esistere anche in Italia. Mabius incuba e accelera, infatti, non startup legate al settore food a tutto tondo ma startup che il cibo lo producono: dalla versione russa del formaggio di capra fatto in casa, al porridge di grano saraceno, fino ai granchi reali del Mare di Barents.

Aiutare i creatori di prodotti

“L’obiettivo principale è quello di aiutare i creatori di prodotti alimentari a iniziare la propria attività o ampliarne una già esistente. – spiega Andrei Ryvkin, responsabile del progetto – per questo offriamo un laboratorio aperto di oltre 1000 metri quadrati dotato di attrezzature culinarie professionali ad alta tecnologia per la creazione e la prototipazione di nuovi prodotti alimentari”. Qualsiasi imprenditore può realizzare le loro idee gastronomiche su scala industriale utilizzando strumenti di Mabius. Il team del centro è in grado di confermare le opportunità di mercato di un prodotto, di individuare la migliore tecnologia di produzione, sviluppare la progettazione di un prodotto e l’imballaggio, affinare le strategie di marketing e di vendita. Il sistema di promozione di nuovi prodotti consente innovatori di lavorare con i più grandi catene di distribuzione in Russia , oltre 90.000 punti vendita.

mabius

In meno di un anno 90 startup hanno fatto richiesta di accesso nel programma di accelerazione Mabius, 70 di queste sono state ammesse come idee d’impresa e 23 hanno iniziato il percorso. L’incubatore ha in programma di investire nel 2016 oltre 14 milioni di euro per portare 50 nuovi prodotti nel retail russo e altri 30 per costruire altri due centri Mabius in Europa e in Cina. Certo, il fatto che attualmente NMGK sia il principale cliente di Mabius incide nelle scelte dell’incubatore che ha scelto di accelerare idee d’impresa soprattutto nella produzione di dolci, biscotti, snack, salse e olio.

Acceleratore di startup

Esempi di startup incubate in Mabius:

CheeseBox, la scatola per fare il formaggio in casa

Insieme al marito Valeria Opanasyuk ha lanciato il progetto CheeseBox, kit per formaggio fai da te. In meno di un anno CheeseBox ha quattro kit per preparare il formaggio: mozzarella, ricotta, halloumi, e “shiz” – un formaggio di capra cremoso. “Queste preparazioni sono tra le più semplici e non richiedono molto tempo. – racconta – Il processo di preparazione della mozzarella non richiede più di due ore e il formaggio di capra è pronto in un giorno”. Ogni set è dotato di tutto il necessario per preparare il formaggio in casa, dal caglio a uno speciale termometro per latte. L’unica cosa che bisogna acquistare per iniziare la prerazione del formaggio è il latte. Opanasyuk ha lanciato il progetto nel mese di gennaio e, nonostante i dubbi iniziali sul suo decollo, ha ottenuto un incremento del 25% delle vendite di mese in mese.

cheese

Marianne Orlinkova , chef di ” Nashi Kashi ” e Our Porridge (farina d’avena)

Vice – redattore capo di “Gastronom” , autore, redattore capo, e lo chef dei libri di cucina Kashi Marianne ha ideato e sviluppato Nashi Kashi, progetto gastronomico e culturale legato all’idea di cibo sano in un formato che si adatta al ritmo della vita cittadina. A base di farina d’avena gli snack e i pasti della cuoca sono disponibili in confezioni comode e facile da mangiare all’aperto , prendere al lavoro, o ordinare per la consegna. Il menu Nashi Kashi consente di creare una varietà di combinazioni di integratori a base di minerali da aggiungere a qualsiasi farina d’avena. La sua linea Our Porridge realizza piatti confezionati sani ed equilibrati, in un packaging adatto al consumo fuori casa. La farina d’avena è preparato con ingredienti selezionati, dando la precedenza ad aziende agricole locali e biologici.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter