Il nuovo elettrodomestico? Sarà l’orto verticale sul balcone

Permette di coltivare duecento piante in un metro quadrato e costa un decimo rispetto a un orto tradizionale. Ecco Veve:

Un orto sul balcone. Anzi sul balconcino. Perché, trattandosi di un orto verticale, può stare anche in spazi molto limitati. Basta un metro quadrato per coltivare fino a centinaia di piante. Veve nasce un anno fa dall’idea di dotare ogni casa di un orto. Ma la differenza è sostanziale: se in un metro di un orto tradizionale possono stare circa dieci piante, Veve ne può ospitare duecento.

foto 23-03-15 16 53 38-crop-u10417

Un orto verticale a tecnologia aeroponica

Come? Sfruttando la tecnica di coltivazione aeroponica, un sistema che integra la composizione di aria e sostanze nutritive nebulizzate che spruzza sulle radici: “In questo modo – spiega il fondatore Matteo Sansoni – la pianta riesce ad assorbire al meglio le sostanze nutritive e si sviluppa di più e più velocemente”. Con vantaggi incredibili, oltre a quello evidente di poter coltivare ortaggi anche in assenza di un giardino. Quali? “Crescendo più in fretta si riescono a fare più cicli produttivi ed essendo un sistema chiuso non c’è il rischio di contaminazione da parte di agenti esterni presenti nel terreno o sulle altre piante. Infine il sistema modulare permette di innalzare la colonna in base a quante piante si vogliono coltivare”. Non solo, il risparmio è anche di tipo economico: con Veve

il costo di produzione della verdura è un decimo rispetto a un orto tradizionale.

foto 09-04-15 07 43 58-crop-u11632

Nonostante si tratti di un sistema che sfrutta l’energia elettrica: “Abbiamo sperimentato che sono sufficienti 3 euro al mese di spesa – continua – e presto verrà integrato un pannello solare che renderà Veve completamente autonomo”. E in un secondo momento una piccola serra che permetterà di allungare la stagione ortofrutticola casalinga.

Tra le piante più facilmente coltivabili con Veve insalate, bietole, basilico, aromatiche, fragole, zucchine, pomodorini ciliegia, finocchi, cicorie. Insomma quasi tutti gli ortaggi tranne i tuberi, le carote e le melanzane, troppo ingombranti.

Per ora l’orto verticale Veve, però, è ancora un prototipo: “Siamo in fase di ingegnerizzazione e stiamo cercando investimenti per iniziare la produzione, in circa sei mesi il progetto sarà concluso e messo al più presto in commercio” Ma quanto costerà? “Non molto – conclude – vogliamo che diventi un nuovo elettrodomestico come una lavatrice o lavastoviglie. Come si lava i panni la gente si coltiverà il proprio orto”.

  • Jacopo Teodori

    Concordo, ma proporrei anche la variante #WALLFARM
    che sfrutta lo spazio verticale e permette di gestire tutto tramite un app…
    Seguiteci e restate aggiornati….

    https://www.facebook.com/wallfarmbio

Ti potrebbe interessare anche

Una serra galleggiante a energia solare: a Pisa hanno costruito l’orto del futuro

La piattaforma Jellyfish Barge, in grado di produrre alimenti per due famiglie senza consumare terreno, acqua dolce ed energia chimica, è l’unica italiana finalista al premio delle Nazione Unite “Ideas for Change”

Agritools, la mappa dell’innovazione agricola in Africa

Una piattaforma fra ricerca e giornalismo racconta le storie di startup, incubatori e tech hub del continente. Ne esce il panorama delle realtà concentrate nello sviluppo di soluzioni che migliorino il settore primario

Le sei tendenze food che Expo non può ignorare

Dal caviale verde all’acquaponica: abbiamo raccolto le tendenze food più interessanti presenti a Seeds&Chips, quelle da tenere d’occhio per capire come cambierà nei prossimi anni il modo in cui mangeremo

Ecco perché i droni rivoluzioneranno l’agricoltura

Monitorano la salute delle piante, aiutano a ridurre gli sprechi e sono alla base dell’agricoltura di precisione. Forse non salveranno da Xylella gli ulivi del Salento (per ora) ma rappresentano il futuro delle coltivazioni

10 storie di ponti che hanno cambiato il mondo

Storie e leggende intorno a 10 ponti che hanno cambiato il mondo. Ci sono elefanti e archi che fanno l’occhiolino. E c’è pure “Anna dai capelli rossi”. Insomma, ci siamo divertiti a scovare aneddoti intorno a queste meravigliose strutture. Aspettando, forse, quello sullo Stretto di Messina.

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»