immagine-preview

Mag 22, 2018

BeerBox, il distributore di birre che ti apre la lattina

Accetta solo pagamenti con carta o Nfc e soprattutto promette di risolvere i problemi della distribuzione di bevande in posti come concerti, show, grandi eventi

La lattina esce fuori, in modo avveniristico, da una specie di fumo di ghiaccio. Già aperta. All’acquirente non rimane che brindare e bere. BeerBox è un distributore automatico di birre in lattina davvero divertente e singolare. Pensato per festival musicali, concerti, eventi sportivi, grandi appuntamenti, si piazza a metà fra tecnologia e design.

Come funziona

L’acquisto è semplicissimo: basta scorrere la carta di credito o avvicinare il proprio iPhone (supporta anche Apple Pay) per pagare e scegliere la propria lattina preferita. “I tempi in cui le banconote venivano risputate fuori sono finiti” dicono sul sito ufficiale. Già, perché di bocchette per i soldi, con buona pace di chi in Italia ancora rifiuta le carte sotto i 10 euro (fuori da ogni legge), su BeerBox non ce ne sono.

BeerBox, lanciato da Bobby Gaafar, può immagazzinare fino a 150 lattine. Accetta tutte le principali carte di credito statunitensi e, come detto, pagamenti di prossimità con dispositivo come smartphone e smartwatch. La lattina esce alla temperatura di 2 gradi centigradi, anche meno, bella ghiacciata e pronta per il consumo. Fra il pagamento e l’“emersione” della lattina ci vogliono una quarantina di secondi. E il dispositivo è pensato per una personalizzazione massima dei brand, con pannelli a Led, schermi touch e in generale la distribuzione di uno o pochi tipi di lattine di una sola azienda.

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/zd8jPHMZfuE” frameborder=”0″ allow=”autoplay; encrypted-media” allowfullscreen></iframe>

Basta file al bar

Il distributore nasce dall’esperienza dell’acceleratore ZX Ventures, braccio armato del colosso delle birre InBev, e risponde a una serie di perplessità che in passato hanno fortemente limitato lo sviluppo di questo genere di distributori alcolici. Per esempio il fatto che le lattine potessero essere troppo scosse e spruzzare schiuma o che, nel corso di eventi come concerti e show, non fosse possibile vendere confezioni chiuse (e infatti BeerBox apre la lattina al posto tuo). Così “la paura delle lunghe file al bar” scompare, dice il fondatore che punta a farne uno spin-off autonomo. Fra l’altro si tagliano i costi del personale e si schiva il problema di costruire bar, gazebo o altre strutture di vendita.

BeerBox è stata sviluppata in collaborazione con Intelligent Product Solution: la soluzione che apre la lattina, assicura il senior director Ralph Cassara, è stata una vera scommessa. Arriveranno anche soluzioni per pagamenti tradizionali. La distribuzione inizierà nel corso dell’estate.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter