immagine-preview

Mag 14, 2018

Prestofood.it raccoglie 200K su CrowdFundMe. La formula del delivery italiano

Si tratta del secondo round di investimento per la startup che è leader nel Sud, entro il 2018 aprirà in altre 6 città

L’innovazione passa dal cibo e Seeds&Chips lo ha dimostrato settimana scorsa, e il food delivery made in Italy tiene il passo della concorrenza.

PrestoFood.it, il quarto operatore italiano di food delivery per fatturato e dimensione e primo nel Sud Italia, ha chiuso il suo secondo round di investimento da 209.260 euro con una valorizzazione premoney di 3.000.000 di euro, attraverso la piattaforma di equity crowdfunding Crowdfundme. Un successo per l’azienda che nel dicembre del 2017 StartupItalia! ha inserito nella Top100 delle migliori startup italiane.

Con questo secondo round, la startup italiana del food delivery, ha raggiunto in meno di 6 mesi quasi mezzo milione di euro di raccolta. La piattaforma è già attiva in 6 città italiane (Catania, Palermo, Messina, Reggio Calabria, Lecce e Cagliari ) e si prepara ad aprirne altrettante nel corso del 2018, partendo da Bari e Napoli, fino a Caserta e Sassari.

 

Leggi anche: PrestoFood.it chiude il suo primo round, da 150K

 

Il successo nel Sud Italia parte dalla scelta delle città in cui sbarcare

“Il food delivery non è una novità ormai, ma tutti i nostri competitor dedicano i loro sforzi per conquistare le solite città. – ha detto Guido Consoli, Founder & CEO di PrestoFood.it – Noi siamo gli unici specializzati nel servire una clientela meno concentrata geograficamente mantenendo comunque la nostra leadership per qualità e convenienza. Già oggi i nostri ristoranti partner hanno aumentato il loro fatturato anche oltre il 30%. I grandi competitor di settore stanno crescendo molto rapidamente ma PrestoFood.it, grazie anche alla leadership nel Sud Italia e ai clienti già fidelizzati, è una società molto appetibile per chi oggi punta a conquistare l’intero mercato italiano.”

“La posizione geografica e la territorialità del nostro team giocano sicuramente a nostro favore: il nostro obiettivo è infatti quello di creare un food delivery di riferimento verticale per tutto il Sud Italia, che ad oggi è stato difficilmente replicabile da altre aziende del Nord Italia o internazionali. – ha aggiunto Angelo Paglia, Partner & COO di PrestoFood.it – Crediamo fortemente nel Sud Italia e nella sua crescita, soprattutto perché pensiamo possa essere un mercato di interesse per i player internazionali, che si potranno affidare a noi per aumentare la propria capillarità raggiungendo efficacemente il Meridione.”

Leggi anche: Il food delivery del Sud Italia va in overfunding su CrowdFundMe. PrestoFood

“Il piano di sviluppo che vogliamo realizzare prevede l’avvio del servizio di food delivery nelle maggiori città del Sud Italia, dove è stato effettuato un approfondito studio del target di riferimento. – ha confermato Davide Privitera, Partner & COO di PrestoFood.it – Per quanto riguarda i partner, il nostro obiettivo è raggiungere ed inserire in piattaforma un numero di ristoranti pari al 90/95% dei ristoranti di fascia alta presenti nelle città che consideriamo in target con noi.”

“Sino ad oggi abbiamo consegnato più di 59.800 ordini ai nostri utenti finali da oltre 300 ristoranti partner. – ha concluso Angelo Capilleri, CTO di PrestoFood.it – Ad oggi, PrestoFood.it vanta più di 10.000 download Android e oltre 12.000 iOS, con 22.000 utenti attivi su base mensile e più di 20.000 utenti registrati. ”

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter