StartUp Initiative FoodTech 2018 a Seeds&Chips: Hexagro Urban Farming e Wenda vincono la competition di Intesa Sanpaolo

StartUp Initiative FoodTech 2018 giunge al termine a Seeds&Chips: le startup selezionate si sono sfidate sul palco dell’Arena Meeting per l’accelerazione internazionale di Intesa Sanpaolo.

Seeds&Chips 2018 ha ospitato l’evento finale della call di StartUp Initiative FoodTech 2018, il percorso iniziato a marzo per la selezione di realtà promettenti che sviluppino tecnologie innovative utili alla Circular Economy o all’Industry 4.0, ponendo una attenzione particolare alle soluzioni per la catena del valore del settore Agrifood.

Luca Pagetti, Head of Startup Growth Financing Department di Intesa Sanpaolo Innovation Center, ha aperto l’evento conclusivo di StartUp Initiative FoodTech 2018 fornendo uno sguardo d’insieme sulla situazione italiana e le nuove opportunità di business offerte dal mercato e dall’intervento istituzionale, mentre Daniele Borghi, Innovation Analyst per Intesa Sanpaolo, ha svelato i trend nel FoodTech, spaziando dalla crescita dell’agricoltura smart alla ricerca di ingredienti salutari, che ha portato alla scoperta di nuovi elementi nutritivi come insetti edibili, o i progetti di carne e pesce sintetici prodotti in laboratorio.

 

Clementine Schouteden, della Ellen MacArthur Foundation, ha portato l’attenzione sugli urban food systems e sulla necessità di applicare una economia circolare che aiuti a creare un miglior sistema di produzione del cibo, basato sull’impiego dei biomateriali e della bioenergia, sul riciclo dei rifiuti e sull’impiego di tecnologie innovative, preservando le risorse idriche e agrarie.

Il bisogno di nuove soluzioni innovative è stato sottolineato anche dall’investitore californiano Bill Barber: nel 1800 l’89% delle persone coltivava il proprio cibo, ma ad oggi la popolazione è aumentata fino a 7 miliardi di persone e soltanto il 2% lavora nell’agricoltura, in più il 40% del cibo viene buttato via. In questa ottica dunque lntesa Sanpaolo ha dato vita all’Innovation Center per la ricerca di soluzioni CleanTech, ICT, BioTech, Nanotech, arrivando alla call di StartUp Initiative FoodTech 2018.

 

Banca Intesa Sanpaolo, in collaborazione con il Future Food Institute e la Ellen MacArthur Foundation, ha selezionato le startup che, dopo un percorso di formazione con coach qualificati ed esperti di settore e incontri con investitori in capitale di rischio e potenziali partner industriali, sono giunte all’evento finale nell’Arena Meeting di Seeds&Chips.

La sfida di fronte a 150 investitori

Le startup si sono confrontate davanti a Mauro Piloni, Former Whirpool R&D Global, e ad una platea di 150 investitori, imprese e player dell’ecosistema innovativo che in tempo reale hanno potuto fornire il proprio feedback su una piattaforma online. Sul palco sono salite Mangrove, impegnata nella produzione di superfood in terre non produttive; Spirugrow, la quale porta nelle case la coltivazione della Spirulina; xFarm, la piattaforma di Farm management cloud-based; Crické, inserita nel mercato dei prodotti alimentari a base di insetti; Idroplan, i cui componenti smart consentono di ottimizzare i sistemi di irrigazione.

La cerimonia di chiusura della StartUp Initiative FoodTech 2018 ha visto l’assegnazione dell’Intesa Sanpaolo Circular Award a Hexagro Urban Farming, la startup dedicata alla decentralizzazione della produzione di cibo in aree urbane, guadagnando così l’ammissione al programma Emerging Innovators della Ellen MacArthur Foundation.

 

Il Future Food Award, finalizzato alla ricerca del miglior progetto nell’area della food safety e della tracciabilità,  è stato assegnato a Wenda, specializzata in food integrity tracking tramite IoT e Blockchain, che ora potrà partecipare alla Food Innovation Global Mission, un educational tour che consentirà il confronto con realtà di tutto il mondo, in particolare potranno presentare il proprio pitch agli investitori negli eventi di Madrid e Berlino.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter