Lucia Lorenzini

Lucia Lorenzini

Nov 21, 2017

FICO, il parco enogastronomico di Eataly, sceglie la digitalizzazione con Websolute

A Bologna è nato il primo parco didattico-enogastronomico del mondo. Le sue attrattive sono acquistabili solo online o attraverso info point, partners, tour operator esterni che utilizzano la piattaforma digitale di FICO

Digitalizzazione e turismo esperienziale. Questi sono i punti di forza di  Eataly WorldFICO (Fabbrica Italiana Contadina), il primo parco didattico-enogastronomico al mondo. Ideato dal fondatore di Eataly Oscar Farinetti, è stato inaugurato mercoledì 15 novembre a Bologna. FICO ha una missione ben precisa: raccontare l’eccellenza enogastronomica e la bellezza dell’agroalimentare italiano, una palestra di educazione sensoriale al cibo e alla biodiversità.

Websolute, il partner digitale di FICO

Il progetto, avviato da anni, nel 2015 ha visto la nomina di Websolute come partner digitale. “Il digitale ha il compito di intermediare tutti i possibili fruitori del parco e dei suoi servizi tramite la piattaforma e-commerce, aprendo di fatto un canale di comunicazione e intermediazione unificato per gestire il prima, il durante e il dopo la visita al parco – spiega Claudio Tonti, direttore creativo e digital strategy Websolute –. In sostanza tutti i servizi del parco saranno prenotabili e acquistabili esclusivamente attraverso la piattaforma da noi realizzata e integrata ai sistemi ERP di disponibilità”. Tutte le esperienze che si possono provare in FICO sono acquistabili solo online o comunque attraverso info point, partners, integrazioni con tour operator esterni che utilizzano la piattaforma digitale di FICO come unico punto di acquisto, implementando di fatto un modello di reverse omnichannel dove il biglietto digitale è il biglietto principale.

Le giostre educative di FICO

FICO occupa una superficie di quasi 100.000 metri quadrati e ospita due ettari di campi, oltre a stalle con 200 animali. Propone 40 fabbriche contadine per vedere la produzione di carni, pesce, formaggi, pasta, olio, dolci, birra, per far comprendere la trasformazione alimentare. Per la degustazione del cibo ci sono oltre 40 aree ristoro e 9.000 metri quadri di mercato. Ci sono sei “giostre” educative dedicate al fuoco, alla terra, al mare, agli animali, alla bottiglia e al futuro, e per divertirsi e imparare offre 30 eventi e 50 corsi al giorno tra aule, teatro, e spazi didattici.

Leggi anche: Viaggio dentro FICO, la città del cibo made in Italy

La partenza con 100mila visitatori

FICO è partita con il botto in questi primi giorni di apertura con oltre 100.000 visitatori, con un picco incredibile nel week-end. L’azienda stima 6 milioni di visitatori all’anno, e le tecnologie che Websolute ha messo a supporto dell’iniziativa sono già testate per rispondere a sfide importanti su progetti del mondo del turismo, che rappresenta l’apice della complessità in ambito e-commerce. Grazie a questo know-how FICO e Websolute hanno costruito una piattaforma digitalfirst, al centro delle esperienze FICO. “L’apporto di Websolute è stato al di là della realizzazione della piattaforma, il cuore è stato gettato oltre tutti gli ostacoli per essere con orgoglio al centro di uno dei più importanti progetti sul futuro dell’Italia” afferma ancora Claudio Tonti.  Il progetto è ancora in divenire, nelle prossime settimane numerose novità arriveranno a completare l’ecosistema digitale di FICO. Websolute è già al lavoro per supportare la crescita ed evoluzione del parco per tutto il 2018 e gli anni a venire.