Cibi a base di insetti: alla Coop arrivano le polpette di larve

In alcuni supermercati della Coop, in Svizzera, si possono già trovare burger e polpette a base di larve della farina prodotti dalla startup Essento. Allevamento e vendita di questi insetti sarà notevolmente facilitato nell’Unione Europea a partire dal prossimo anno.

Insetti, come grilli e cavallette, alghe e meduse. Secondo molti, il cibo del futuro. Abbiamo imparato a conoscerli, in Italia, soprattutto durante Expo. E qualcuno, vincendo le titubanze iniziali, è anche riuscito ad assaggiarli. Tra poco però, cambierà tutto. I nostri vicini, gli svizzeri, stanno già iniziando i primi test per sensibilizzare la popolazione al consumo di questi nuovi alimenti. Dal prossimo anno infatti, allevamento e vendita di questi insetti edibili, ma anche di cibi a base di alghe oppure ottenuti da vegetali prodotti in modi non tradizionali, sarà notevolmente facilitato nell’Unione Europea.

(Foto: Coop/Essento)

Insetti in tavola dal 2018

Questo grazie al nuovo regolamento sul Novel Food, un pacchetto di norme approvato nel novembre del 2015 e operativo, appunto, dal 2018. Dal primo gennaio dunque, gli insetti commestibili o prodotti che li hanno tra gli ingredienti potranno essere commerciati liberamente in tutti gli Stati europei, dopo aver ricevuto un’autorizzazione generale da parte della Ue e non, come prima, un via libera da ciascun paese comunitario.

(Foto: Essento)

Del resto, quello della resistenza agli insetti è un problema prettamente occidentale, dato che secondo la FAO sono quasi duemila le specie commestibili e attualmente consumate da circa due miliardi di persone nel mondo. Prevalentemente coleotteri e lepidotteri. Ma anche locuste, cicale, termiti, formiche, cimici, vespe, api e bachi da seta, in territori come Asia, Africa e America Latina.

A quanto pare però – secondo uno studio della Società Umanitaria di Milano e del suo Centro studi per lo sviluppo sostenibile – questo trend potrebbe prendere presto piede anche in Italia. Il 47% degli intervistati infatti, è favorevole alla liberalizzazione degli insetti in tavola, mentre il 28% si è detto interessato a mangiarli.

Hamburger e polpette di larve

La rivoluzione, come detto, è già partita, visto che dal 21 agosto alimenti a base di insetti sono acquistabili a pochi passi da noi, in Svizzera. E non all’interno di piccoli negozietti etnici, ma presso i banchi di uno dei più rinomati colossi della grande distribuzione, la Coop.

Si tratta di burger e polpette a base di larve della farina (Tenebrio monitor), prodotti dalla startup Essento. Il cui  claim aziendale, neanche a dirlo, recita: “Delicious Insect”.

(Foto: Essento)

Per ora i punti vendita interessati sono sette (ma i prodotti saranno disponibili anche online su [email protected]). Se i primi mesi di sperimentazione daranno risultati positivi, l’intenzione è quella di ampliare l’offerta nel corso dell’anno, allargandola a più punti vendita.

Per limitare il pericolo di generare una reazione troppo forte per i consumatori anche l’inserimento di questi prodotti a base di larve sarà graduale. Innanzitutto, il packaging: la confezione non da assolutamente nell’occhio e l’unico riferimento agli insetti sulla scatola è una figurina stilizzata, ben poco allarmante.

Per quanto riguarda il contenuto invece, sia burger che polpette saranno accompagnate da alimenti più “convenzionali”: verdure, come sedano e porro, ceci, cipolla, aglio e altre spezie che contribuiranno a mimetizzarne il gusto (e la vista). Tranquilli insomma, la larva c’è ma – al momento – non si vede.

@antcar83

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia