Una startup di San Francisco lancia i distributori automatici di cibo vegano

leCupboard ha lanciato a San Francisco dei distributori di piatti pronti a base di frutta e verdura: con ciotole di quinoa e pudding pronti

Sono sempre di più le persone che scelgono di rinunciare alla carne, preferendo cibi a base vegetale, o provenienti da agricoltura biologica. Un trend confermato dalle molte startup che si dedicano alla distribuzione di alimenti pensati per chi nella pausa pranzo non si accontenta del classico panino, ma cerca qualcosa di vicino alle proprie preferenze dietetiche. Presto, per queste persone potrebbe essere ancora più semplice avere sempre a portata di mano pasti vegani o vegetariani, soprattutto nell’area di San Francisco. LeCupboard è la startup del cibo “plant-based”, cioè vegano, di derivazione interamente vegetale, che produce e consegna piatti freschi a base di frutta e verdura a San Francisco e Palo Alto. Fin qui niente di nuovo, a parte il fatto che la startup ha deciso di aggiungere al settore delivery anche una rete di distributori automatici che saranno avviati questo mese inizialmente in due location di San Francisco.

Zuppe e pudding da portare via

Nei distributori si potranno trovare ciotole di quinoa, pudding di chia, insalate con lenticchie e zucchine, zuppe di noodles con pesto alle noci, e vari tipi di pietanze a base di insalata e verdura, da ordinare attraverso un iPad e un sistema di “lockers” cioè di cassetti che si aprono una volta che il pasto è pronto. Il punto forte della startup, ovviamente, è il concept accattivante dei piatti, presentati in scatole take-away dal design curato, e dalla facilità di utilizzo del distributore. Ma anche di inserirsi in un settore – quello dell’alimentazione “responsabile” – che finora non si era mai cimentata con la distribuzione automatica.

L’imprenditrice dell’healthy food

Il cafè di leCupboard è stato aperto dall’imprenditrice marocchina Lamiaa Bounahmidi che nel 2013 ha fondato la public benefit corporation Looly’s, il cui obiettivo è quello di diffondere un approccio alla nutrizione più salutare, soprattutto nelle aree in via di sviluppo. Secondo il sito AngelList, Looly’s ha raccolto oltre 2 milioni di funding. L’obiettivo di leCupboard è quello di riuscire ad entrare con le sue ciotole in quei luoghi dove solitamente le persone faticano a reperire gli alimenti che vorrebbero per la propria dieta, come gli ospedali, gli uffici e in generale tutti i luoghi dove questo tipo di offerta scarseggia.

@carlottabalena

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)