Startupbootcamp FoodTech, ultima chiamata

Poche ore rimaste per sottoporre la propria candidatura per entrare nel programma di accelerazione. In palio tre mesi di lavoro con investitori e manager per avanzare nel mercato del foodtech

Ha toccato la Germania, la Francia, la Turchia, l’india e la Cina: è arrivato fino in Silicon Valley e poi ha fatto ritorno a Roma, dopo aver fatto una capatina a Tel Aviv. Il tour di Startupbootcamp FoodTech ha toccato tre continenti in poche settimane, e ora entra nel vivo con l’ultimo appello alle giovani startup che vogliano sottoporre la propria candidatura per partecipare al programma di accelerazione da 3 mesi che partirà il prossimo autunno.

Le candidature

Se siete una startup nel campo del foodtech, basta iscriversi nell’apposita pagina e poter partecipare alla selezione finale: sono già oltre 450 le candidature ricevute, con tematiche che spaziano dalla ristorazione all’agricoltura, dai succedanei del cibo alla robotizzazione dei processi di coltura e monitoraggio.

Dieci fortunate startup, selezionate a settembre da una giuria di esperti e addetti ai lavori, avranno l’occasione di entrare nel programma di accelerazione che conta sul supporto di oltre 120 mentor provenienti dalle fila di grandi aziende (da Metro a Barilla, da Lavazza a Bayer, da Facebook a Monsanto, e molti altri), su oltre 1.000 angel investor e venture capitalist, il tutto sotto la supervisione dei fondatori di SBC FoodTech Peter Kruger e Paolo Cuccia.

L’idea di avviare un programma di accelerazione per il foodtech in Italia è frutto di una considerazione tutto sommato ovvia: l’Italia è già il punto di riferimento globale per alimentazione ed arte culinaria, e Roma in particolare vanta una tradizione plurimillenaria in cucina. Nel Belpaese c’è un vasto tessuto produttivo e industriale dedicato alla filiera del food: non c’è terreno migliore dove seminare e far germogliare le proprie idee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore