I 150K raccolti, il boom di ordini, l’Europa | Winelivery, i numeri e le nuove sfide

La startup che ti consegna a casa vino, birra e superalcolici di qualità ha chiuso i primi 6 mesi del 2017 con un incremento di ordini del 142% sull’anno precedente e un aumento della clientela del 168% sull’intero 2016

«Abbiamo creato un’enoteca 2.0, da divano, per evitare di trovarsi in casa e non avere una buona bottiglia di vino o di birra da offrire ai nostri ospiti» aveva detto a ottobre 2016 a StartupItalia! Andrea Antinori, co-founder (insieme a Francesco Magro, ceo) e responsabile marketing di Winelivery, la startup che ha sviluppato una piattaforma per la consegna a domicilio di vino, birra e superalcolici di qualità. Ebbene, dopo la chiusura della campagna di equity crowdfunding per 150 mila euro (su CrowdFundMe), è il momento di fare un bilancio di poco più dio un anno di attività (il servizio è stato lanciato a Milano a inizio 2016). All’orizzonte? L’apertura del servizio in altre città italiane e nelle principali capitali europee: Bologna, Torino e poi Londra, Francoforte e Berlino.

Leggi anche: Questa startup italiana vi porta birra e vino a casa. Come funziona Winelivery
Winelivery

Da sinistra Andrea Antinori e Francesco Magro, co-founder di Winelivery

I numeri

Prima di tutto le cifre. Secondo i dati forniti dalla società, Winelivery ha chiuso i primi 6 mesi del 2017 con un incremento di ordini del 142% sull’anno precedente e un aumento della clientela del 168% sull’intero 2016. «I risultati ottenuti e l’andamento delle vendite ci hanno costretto ad alzare i target per gli anni successivi e a rivedere il piano industriale» fanno sapere dal team.

La spinta dell’equity crowdfunding

«Abbiamo raccolto 150 mila euro con rapidità grazie all’equity crowdfunding suscitando curiosità ed interesse, verso il modello di business, in alcune banche d’affari e player europei nel mondo delle startup. Questo ci rende orgogliosi di quanto fatto fino ad ora e ci fa capire che siamo pronti per nuove sfide» ha spiegato Francesco Magro.

Il mercato di riferimento

Il mercato del vino in Europa, e in particolare il mercato online, è in forte espansione con una crescita prevista del 40% per i prossimi 4 anni. Osservando il mercato USA, l’industria dell’alcol è riuscita raccogliere oltre $100 milioni in fund raising nel 2015 (fonte Techcrunch). Considerando che il mercato statunitense vale $30 miliardi in vendite di vino e $46 miliardi in alcolici all’anno, si può dedurne come Europa siamo ancora ai primi passi. Stando alle stime proposte da statista.com, risulta che, nel 2017, a livello europeo, il valore complessivo del mercato degli alcolici si aggira intorno ai 237 miliardi di dollari Usa di cui 65 miliardi per il solo vino.

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti