Pay online with Bitcoin: Lieferando ti consegna il cibo anche con la criptomoneta

La piattaforma di food delivery basata in Germania ha integrato tra i pagamenti i Bitcoin. Perché in Giappone sono già molti i servizi che lo fanno e perché per i commercianti è conveniente

Nel footer del sito c’è scritto Pay cash or online with Creditcard, SOFORT Überweisung, PayPal, Bitcoin. Bon appetit!. Bitcoin? Proprio così Lieferando, tra le più grandi piattaforma di food delivery in Germania, ha integrato tra i suoi pagamenti i Bitcoin. E’ il primo a farlo. Gli utenti della piattaforma potranno pagare le consegne alimentari usando la criptomoneta. Lieferando ha già ottenuto più di 18 milioni di dollari di finanziamenti come applicazione regionale per la fornitura di alimenti e di servizi. Grazie al successo della piattaforma, la rapida crescita degli utenti, e la popolarità, Lieferando è stata acquistita da Takeaway.com.  Prima dell’operazione, Lieferando aveva già iniziato ad accettare, per un breve periodo di tempo, Bitcoin. Durante il processo di acquisizione e di rebranding della società, aveva abbandonato l’integrazione con i Bitcoin, ma ora, ad acquisizione chiusa, lo ha reimplementato.

Lieferando

Ma perché le aziende continuano ad accettare Bitcoin?

Agli inizi di luglio 2017, il più grande fornitore di servizi di Point of Sale (PoS) del Giappone AirRegi ha ufficialmente avviato il processo di integrazione di Bitcoin come metodo di pagamento. Al termine del quale, più di 260.000 commercianti hanno aperto alla possibilità di pagare in Bitcoin in Giappone, tra cui ristoranti, caffè, bar e negozi. Da quel momento è passata meno di una settimana dalla notizia di Lieferando. Chiunque segua le discussioni che ruotano intorno ai Bitcoin è consapevole della vivacità del dibattito che ruota intorno alla criptomoneta. Alcuni sostengono che le tasse sono troppo alte e che stanno trasformando la rete Bitcoin in un negozio premium di valore, inefficiente come valuta digitale. Al contrario, ci sono molti analisti, utenti e investitori che sostengono anche che la dimensione del Bitcoin mempool (in sostanza il valore e il prezzo delle transazioni) sia diminuito significativamente, soprattutto nelle ultime settimane.

Più convenienza

Per i commercianti, le tasse di Bitcoin sono molto più convenienti rispetto alle percentuali di transazione delle carte di credito. La maggior parte dei consumatori non è a conoscenza di questa tassa. Le tasse Bitcoin attuali che vanno da $ 0,2 a $ 1 non sono così costose per i commercianti. In Giappone, alcune delle aziende più grandi e più influenti già accettano Bitcoin. Il più grande distributore di elettronica del Giappone Bic Camera ha iniziato ad accettare Bitcoin da mesi e alcuni utenti affermano che la Bic Camera insieme a molti commercianti accetta transazioni di conferma zero a causa dello stato attuale della componente Bitcoin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore