Questa azienda si è inventata una macchina per tostare il caffé in casa. Con tag e chip

Dal chicco di caffè alla tazzina, il processo sarà interamente sotto gli occhi del consumatore, grazie ad una nuova tecnologia. A disposizione anche un’app per ottenere un sapore più o meno intenso

Il caffè fatto in casa, dalla tostatura alla tazzina. È l’idea dell’azienda Bonaverde caffè, che ha l’obiettivo di portare in cucina una fase di produzione che rimane solitamente lontana dagli occhi del consumatore finale di caffè. Il fatto è questo: dal chicco di caffè alla tazzina, il processo sarà interamente sotto gli occhi del consumatore, grazie alla nuova tecnologia proposta dall’azienda.Il caffè verde (crudo) non è una materia prima facile da reperire. Per questo l’azienda ha sviluppato una seconda macchina per gli agricoltori: una volta raccolti i chicchi, potranno essere inseriti nella macchina e impacchettati, pronti per essere usati dal consumatore finale. La chiave del processo di confezionamento è un chip RFID, che identifica ogni confezione in maniera univoca. I clienti Bonaverde dovranno poi sfiorare questo tag sulla parte anteriore della loro macchina, prima di procedere con la fase di tostatura. Data la scarsa confidenza dell’utente medio con la fase di torrefazione, la macchina sarà in grado di regolare automaticamente la temperatura ideale per quel dato tipo di chicco, a seconda delle caratteristiche identificate e della provenienza.

L’app che regola l’intensità del caffè

Grazie a un’app, poi, l’utente finale sarà comunque in grado di intervenire sulla tostatura, per ottenere un sapore più o meno intenso. L’azienda sta lavorando per avviare mezzi che facilitino una possibile condivisione di dati ed esperienze tra gli utenti che utilizzano le proprie macchine, affinché i consumatori possano aiutarsi gli uni con gli altri e si riesca ad avviare una community attorno al brand.

Un nuovo modello di business: vantaggi e svantaggi

Grazie al chip RFID, Bonaverde propone un nuovo modello di business per la gestione del caffè venduto: essendo un’azienda giovane, non ha ancora i mezzi per proporsi come solido intermediatore tra coltivatore e consumatore. Bonaverde si occupa della spedizione del prodotto al cliente e il caffè viene considerato venduto quando l’utente finale scansiona il codice sul tag della macchina. Questo modello porta con sé vantaggi e svantaggi: l’agricoltore corre dei rischi potenziali, ma l’azienda assicura che i propri coltivatori riusciranno a guadagnare fino al 30% in più  rispetto a quanto avverrebbe con la vendita dei propri prodotti ai canali del commercio equo solidale.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowdfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Le finaliste di .itCup2017: con EasyTax Assistant affrontare le tasse non fa più paura

Un’applicazione mobile che segue il contribuente nella gestione della propria fiscalità. Il segreto: informazioni e strumenti semplici da utilizzare. Dopo soli 2 mesi gli utenti sono già 1700 e ora la statup è in finale nella competizione di Registro.it