Questa azienda si è inventata una macchina per tostare il caffé in casa. Con tag e chip

Dal chicco di caffè alla tazzina, il processo sarà interamente sotto gli occhi del consumatore, grazie ad una nuova tecnologia. A disposizione anche un’app per ottenere un sapore più o meno intenso

Il caffè fatto in casa, dalla tostatura alla tazzina. È l’idea dell’azienda Bonaverde caffè, che ha l’obiettivo di portare in cucina una fase di produzione che rimane solitamente lontana dagli occhi del consumatore finale di caffè. Il fatto è questo: dal chicco di caffè alla tazzina, il processo sarà interamente sotto gli occhi del consumatore, grazie alla nuova tecnologia proposta dall’azienda.Il caffè verde (crudo) non è una materia prima facile da reperire. Per questo l’azienda ha sviluppato una seconda macchina per gli agricoltori: una volta raccolti i chicchi, potranno essere inseriti nella macchina e impacchettati, pronti per essere usati dal consumatore finale. La chiave del processo di confezionamento è un chip RFID, che identifica ogni confezione in maniera univoca. I clienti Bonaverde dovranno poi sfiorare questo tag sulla parte anteriore della loro macchina, prima di procedere con la fase di tostatura. Data la scarsa confidenza dell’utente medio con la fase di torrefazione, la macchina sarà in grado di regolare automaticamente la temperatura ideale per quel dato tipo di chicco, a seconda delle caratteristiche identificate e della provenienza.

L’app che regola l’intensità del caffè

Grazie a un’app, poi, l’utente finale sarà comunque in grado di intervenire sulla tostatura, per ottenere un sapore più o meno intenso. L’azienda sta lavorando per avviare mezzi che facilitino una possibile condivisione di dati ed esperienze tra gli utenti che utilizzano le proprie macchine, affinché i consumatori possano aiutarsi gli uni con gli altri e si riesca ad avviare una community attorno al brand.

Un nuovo modello di business: vantaggi e svantaggi

Grazie al chip RFID, Bonaverde propone un nuovo modello di business per la gestione del caffè venduto: essendo un’azienda giovane, non ha ancora i mezzi per proporsi come solido intermediatore tra coltivatore e consumatore. Bonaverde si occupa della spedizione del prodotto al cliente e il caffè viene considerato venduto quando l’utente finale scansiona il codice sul tag della macchina. Questo modello porta con sé vantaggi e svantaggi: l’agricoltore corre dei rischi potenziali, ma l’azienda assicura che i propri coltivatori riusciranno a guadagnare fino al 30% in più  rispetto a quanto avverrebbe con la vendita dei propri prodotti ai canali del commercio equo solidale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore