Rifiuti alimentari zero. L’obiettivo (centrato) dell’azienda Baldor

Si dice che del maiale non si butta via nulla. Così anche dai vegetali si possono recuperare gli scarti. In questo approccio ha creduto l’azienda statunitense che ha scelto di vendere bucce di frutta e vegetali per un ulteriore utilizzo che è possibile anche nelle cucine dei grandi chef

Bucce di carote o di cipolla. Scarti di fragole o peperoni. Torsoli di mela. Per molto tempo l’azienda alimentare statunitense Baldor Food ha trattato questi elementi come rifiuti da conferire in discarica. Una quantità che si aggirava intorno alle 70 tonnellate che trovavano posto negli impianti di compostaggio più vicini agli stabilimenti. Poi Thomas McQuillan, direttore delle vendite in Baldor, ha pensato che quei rifiuti potessero diventare una risorsa. Anzi bisognava cominciare a trattarli come se fossero del cibo ancora commestibile.

Foto: Wormsandstuff/Wikimedia Commons

Gli scarti sono cibo

Da quel momento l’azienda ha lanciato una campagna per la riduzione dei resti alimentari e ha azzerato il quantitativo di rifiuti portati in discarica. Quello che rimane dei vegetali che vengono lavorati negli impianti Baldor ha trovato un mercato tra gli chef che vogliano fare preparazioni come salse o brodi. Lo chef Adam Kaye del ristorante Blue Hill dice a Fast Company: «Si dice che del maiale non si butta via niente. Dobbiamo applicare lo stesso approccio ai vegetali e all’intera produzione agricola». Per quanto riguarda la frutta, invece, può essere destinata alla produzione di succhi. Gli scarti che proprio non possono essere consumati dall’uomo, possono però essere impiegati per realizzare mangimi e alimenti per animali. I resti che risultano marci o alterati vengono tritati con uno speciale apparecchio e finiscono nelle fogne.

Guadagnare dai rifiuti

L’azienda ha anche pensato di lanciare un prodotto speciale ricavato da quelli che un tempo erano considerati rifiuti. Si tratta di frutta e vegetali che vengono disidratati e trasformati in una farina che può essere utilizzata in diverse preparazioni, totalmente prive di glutine e adatte a chi soffre di intolleranze. Questo ha permesso alla società non solo di risparmiare dal punto di vista dello smaltimento degli scarti, ma anche di incrementare i propri profitti: le bucce di carote arrivano a essere vendute a circa cinquanta centesimi al chilo.

Foto: Baldor

L’attenzione all’ambiente

L’iniziativa di Baldor è vantaggiosa anche dal punto di vista ambientale, dato che riduce le tonnellate di rifiuti organici che vengono di solito avviate in discarica. L’azienda dimostra la sua sensibilità a questo tema anche su un altro fronte che è quello dei contenitori per il trasporto dei suoi prodotti durante la distribuzione. Le scatole di cartone cerato attualmente in uso non sono riciclabili. È per questo che McQuillan sta cercando un’alternativa. Nel frattempo incoraggia i distributori a utilizzare una stessa scatola più volte prima di buttarla.

Le finaliste di .itCup2017: Ludwig e i segreti della lingua inglese a portata di click

La piattaforma corregge le frasi scritte dall’utente confrontandole con fonti dall’elevata attendibilità. Oltre 40mila accessi al giorno da 200 Paesi diversi. E presto uscirà la versione Premium