Che cos’è un food hub e le nuove idee d’impresa del progetto CoopUp in Toscana

La Toscana sarà la prima regione italiana ad avere un food hub, grazie al il progetto di Confcooperative finalizzato al coworking e all’incubazione di nuove idee imprenditoriali

E se fosse la Toscana la regione a spingere l’Italia nell’innovazione agroalimentare locale sostenibile? Proprio la Toscana sarà infatti la prima regione italiana ad avere un food hub. CoopUp, il progetto di Confcooperative finalizzato al coworking e all’incubazione di nuove idee imprenditoriali, che ha anche organizzato a Firenze l’incontro Cibo e Innovazione.  Al meeting sono intervenuti alcuni tra i massimi esperti del settore, come Alison Blay-Palmer, direttore del Centre for Sustainable Food Systems e professore associato della Wilfrid Laurier University, Raffaella Grana, di Slow Food Toscana, Enzo Rossi, presidente di Fedagri Toscana, Mauro Lombardi, docente di economia dell’innovazione all’Università di Firenze e Fausta Fabbri, dirigente Innovazione della Regione Toscana. La piattaforma digitale di Food Hub, per capirsi, permette di sperimentare un nuovo modo di distribuzione, tra produttore e produttore e tra produttore e consumatore. Un modo innovativo  che in Italia non è stato ancora collaudato, un sistema in grado di portare concreti vantaggi in termini di risparmio ma anche di impatto ambientale e sociale. Marco Tortora, di CoopUp Firenze, ha spiegato che questa tipologia di business sta avendo molto successo sia negli USA che nel Nord Europa.

Che cos’è un food hub

Il food hub è una parte fondamentale, ma spesso invisibile, del sistema alimentare locale.  All’interno di un raggio chilometrico definito, aiuta le piccole aziende a crescere e svilupparsi. Ha una struttura centrale e una struttura di gestione aziendale, facilita l’aggregazione, la conservazione, l’elaborazione, la distribuzione e la commercializzazione dei prodotti alimentari. Sta diventando una parte fondamentale del modello agricolo, sempre più basato su sostenibilità, cibo sano e sostegno agli agricoltori locali. Uno degli obiettivi primari del food hub è quello di dare la possibilità alle piccole e medie aziende di accedere a mercati più vasti. Il food hub può colmare le lacune delle infrastrutture, del trasporto, dello stoccaggio e della lavorazione del prodotto. Offre quindi una combinazione di produzione, distribuzione e servizi di marketing. Attraverso una piattaforma di e-commerce mira a intervenire su due rami del mercato: il consumatore finale (persone, famiglie, gruppi o singoli) e il consumatore intermedio (agriturismi, ristoranti, mense, mercati).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore