Questa startup francese riutilizza il pane invenduto per altri prodotti. Expliceat

Il progetto di Franck Wallet ha l’obiettivo di riutilizzare il pane invenduto contribuendo a diminuire lo spreco alimentare. La startup ha iniziato una collaborazione con Carrefour

Il valore economico del cibo sprecato a livello globale è pari a 1000 miliardi di dollari l’anno. Ma ci sono anche costi meno noti al grande pubblico, come i 700 miliardi di dollari dei costi ambientali e i 900 miliardi di dollari per quelli sociali. In tutto, lo spreco alimentare vale quindi 2.600 miliardi di dollari l’anno. L’innovazione può aiutare lo spreco in diversi modi: accorciando la filiera, migliorando la raccolta differenziata e persino riutilizzando quel cibo che altrimenti andrebbe sprecato. È il caso della startup francese Expliceat di Franck Wallet (nella foto sotto) che punta a riutilizzare il pane non venduto da GDO e panetterie, per produrre poi altri tipi di prodotti.

Expliceat

La collaborazione con Carrefour

Expliceat ha creato un mulino per tritare il pane invenduto che affitta ai panettieri. La startup sta inoltre iniziando un progetto pilota col big della GDO Carrefour: se l’esperimento avrà successo, tutto l’invenduto dei punti vendita francesi verrà riutilizzato per produrre nuovi prodotti, tra cui figurano biscotti, frittelle e muffin.

Lo spreco italiano

Stando ai dati 2016, ogni giorno in Italia si producono 72mila quintali di pani e se ne buttano circa 1/7, 13 quintali per l’esattezza. L’invenduto quotidiano di dieci panettieri, quantificabile in 80-100 chili di pane, potrebbe sfamare 600 persone circa. Questi numeri erano stati forniti lo scorso anno dall’Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori, in occasione della Giornata nazionale per la lotta agli sprechi alimentari.

No Commenti a “Questa startup francese riutilizza il pane invenduto per altri prodotti. Expliceat”

  1. Giovanni Iula

    Anche la politica dimostra che vince il miglior Marketer!
    Il fronte del NO ha deciso di giocarsi tutta la partita online mentre il SI ha insistito con la TV.
    La TV non è credibile, i social SI.
    Sei stai pensando di creare un’ impresa tieni bene a mente questo concetto.
    La vittoria di TRUMP negli Stati Uniti e del NO in Italia sono la prova che è terminata l’era della propaganda nella quale il controllo della comunicazione era nelle mani del Leader ed è cominciata quella dove il potere del popolo ricopre un ruolo determinante.
    Come nuovo imprenditore devi avere il coraggio di perdere il controllo totale sulla comunicazione e affidarlo ai tuoi clienti, trattandoli non come consumatori ma come partner strategici.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore