La nuova borsa Ikea prodotta con i sacchetti delle patatine

La nuova versione della Frakta shopping bag è composta da 32 sacchetti di patatine. L’idea è di Mariam Hazem e Hend Riad, designer del Reform Studio

La borsa di Ikea diventa green. L’opera è frutto della creatività di due designer egiziane, Mariam Hazem e Hend Riad, fondatrici del Reform Studio, un’azienda che si occupa della produzione di mobili e tessuti a partire da plastica riciclata. Per produrre la nuova versione della Frakta shopping bag, si ricorrerà all’upcycling di 32 sacchetti di patatine, trasformando i rifiuti in un originale oggetto di design. Le confezioni delle patatine vengono considerate tra i più difficili prodotti da riciclare, dato l’elevato numero di strati di pellicola e plastica da cui sono formati. Gli esperti suggeriscono di utilizzare questi prodotti per la creazione di portafogli, borse e altri complementi. Questo è quello che sta facendo Ikea, con la collaborazione del Reform Studio: la big svedese acquista materiale d’imballaggio in polimeri d’argento direttamente dai produttori che ne buttano a rotoli come rifiuto industriale.

Oggetto di design

Lanciata nel 1996, la shopping bag di Ikea è stata reinterpretata numerose volte dai designer più noti al mondo. Una delle versioni più famose è quella di Balenciaga, che ha immesso sul mercato un modello ispirato alla borsa blu svedese per una cifra superiore ai 2.000 dollari. L’opera di Riad e Hazem è stata invece scoperta da Marcus Engman, responsabile della produzione Ikea, durante la Design Indaba Conference tenutasi lo scorso anno in Sud Africa. Ergman è stato fortemente ispirato dal design africano, tanto da annunciare la prima collezione assoluta di Ikea ispirata alla cultura africana, che sarà presentata nel 2019.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come tre italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

Brandless, il supermercato digitale senza marchi (dove costa tutto 3 dollari)

L’obiettivo è democratizzare l’accesso a prodotti di livello proponendo un prezzo corretto e sostenibile, dicono i fondatori. Al posto di loghi e marchi le principali caratteristiche dei prodotti. E presto arriveranno nuove linee, sempre a prezzo fisso e “no brand”

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi