Food, ma non solo, l’anything delivery anche a Roma. Glovo

La piattaforma spagnola per consegnare acquisti di ogni tipo (cibo e non solo) parte nella Capitale con 200 fattorini. Si comincia dal Centro ma presto l’allargamento a tutta l’area interna al Grande Raccordo Anulare

Glovo sbarca a Roma. La piattaforma di anything delivery che consente di acquistare e ricevere in circa mezz’ora qualsiasi tipo di prodotto da qualsiasi negozio della città arriva anche nella Capitale. Infatti, 200 glover (i fattorini di Glovo) inizieranno a consegnare merci di ogni tipo, food ma non solo. In bici, motorino o macchina.

Prima in Centro, poi tutto il GRA

L’area coperta dall’app (per iOS e Android) è anzitutto quella del Centro. Ma l’approdo su Roma parte con l’obiettivo di ampliarla progressivamente fino a includere tutto il territorio all’interno del Grande Raccordo Anulare. Speriamo che la promessa venga mantenuta e la scommessa centrata. Tra i marchi partner presenti da subito sull’applicazione i romani troveranno grandi nomi come Eataly e Grom e posti speciali come The Fisherman Burger e Mondo Arancina. Il glover può ovviamente essere tracciato e se ne può seguire l’avanzamento e il percorso, dall’acquisto nello store fino alla consegna a domicilio.

Il caso Milano

«La prima città italiana in cui è arrivata l’app – ha spiegato Matteo Pichi, country manager di Glovo – è stata Milano, un anno fa, e da allora Glovo è cresciuta rapidamente, fino a diventare uno dei servizi più apprezzati dai cittadini milanesi, non solo per la delivery di pranzo e cena ma anche per la consegna di medicine, fiori e prodotti acquistati al supermercato». Per il lancio della piattaforma romana Glovo si è affidata al nuovo city manager Andrea Arcieri, esperto di vendite, marketing e comunicazione uscito da Deliveroo: si occuperà di sviluppare la rete di partner e di gestire le strategie di marketing locali.

L’innovazione giusta nel momento giusto

«Glovo è l’innovazione giusta nel momento giusto – ha detto Arcieri – qualsiasi ristorante, bar o negozio avrà la possibilità di stringere accordi con noi e avere visibilità sul nostro marketplace, per ampliare la propria clientela e offrire un servizio di delivery a 360 gradi che, altrimenti, non potrebbe sostenere. D’altra parte, i cittadini romani potranno soddisfare ogni loro esigenza dal palmo della loro mano, in qualsiasi momento, tramite la nostra app. È una situazione di win-win». Questo si valuterà col tempo, anche in virtù degli ormai tanti servizi disponibili, alcuni dei quali tuttavia coprono la Capitale in modo disomogeneo. Queste offerte, almeno al momento e come nel caso del car e scooter sharing, non sono per tutti.

Andrea Arcieri, responsabile di Glovo a Roma

Oltre il food, marketplace aperto

La storia di Glovo è fulminea. Nata nel 2014 a Barcellona dall’idea del giovane ingegnere aeronautico Oscar Pierre, ha messo al centro dei propri interessi un nuovo modello di delivery veloce, portandolo oltre il semplice food e avvicinandolo a quello di un marketplace aperto, in cui la domanda di servizi viene soddisfatta da una flotta in crescita di glover indipendenti. Per comprare qualsiasi prodotto (o meglio, dai negozi aderenti) e riceverlo in pochi minuti, comunque in meno di un’ora. Da allora è attivo a Madrid, Milano, Parigi, Valencia, Siviglia, Malaga, Saragozza e ora anche a Roma, sebbene in un’area molto limitata.

Codice Ecchice

A Milano il 30% dei prodotti consegnati da Glovo non è legato al cibo (si tratta di vestiti, servizio di pony express, prodotti farmaceutici da banco e così via) e all’inizio di aprile i corrieri erano oltre 500. Quanto alla nuova tappa c’è anche un codice promozionale dedicato al lancio per chi volesse provarlo: basta inserire Ecchice all’interno dell’app. Ottima scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Londra: Your.MD chiude un round da 10 milioni. E ha un management tutto italiano

Nuovo aumento di capitale per la startup guidata da Matteo Berlucchi, che offre consulenza medica a mezzo bot: le nuove risorse serviranno a potenziare l’intelligenza artificiale che fornisce le risposte e ad ampliare il network di partner

Con dalmiomedico.it i medici di famiglia portano online il loro ambulatorio

La piattaforma lanciata dal Centro medico Santagostino di Milano consente di prenotare le visite con un clic verificando l’orario pubblicato dai dottori. In questo modo vengono ottimizzati i tempi e si migliora il servizio ai pazienti

Made in Italy e Lifestyle | Le due call di LUISS Enlabs. Come applicare

Fino al 25 settembre le startup possono candidarsi alla nuova edizione del Programma di Accelerazione nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. Ma c’è anche una seconda call for applications, verticale

La presidenza dell’UE passa all’Estonia | Una buona notizia per la rivoluzione digitale

Data Embassy e lega per la cyberdifesa, il Paese sul Baltico è uno dei più all’avanguardia nel rispondere alle minacce di hacker e terrorismo digitale. Il premier estone Juri Ratas: “I dati sono il prossimo carbone e acciaio”