In Ovo, la startup che vuole salvare 3,2 miliardi di vite (di pulcini)

L’industria delle uova uccide ogni anno 3,2 miliardi di pulcini maschi. In Ovo é una startup olandese che ha messo a punto un metodo per evitarlo

Ogni anno 3,2 miliardi di pulcini vengono uccisi a livello globale perché non utili all’industria delle uova. Negli stabilimenti per la produzione intensiva di uova infatti i pulcini vengono divisi tra femmine e maschi al momento della nascita. I primi vengono allevati per la produzione di uova, i secondi uccisi perché non produttivi.

In Ovo è una startup olandese, supportata dall’Università di Leiden e dal Ministero dello sviluppo economico, che ha trovato un metodo per mettere fine a questa pratica che, per quanto possa essere eticamente inaccettabile, è necessaria per avere una produzione di uova a basso costo.

Come funzione In Ovo

Wounter Bruins, fondatore della società, e i suoi ricercatori hanno messo a punto un macchinario che preleva una piccolissima quantità di liquido dall’interno dell’uovo attraverso un foro praticato nel guscio. La macchina individua dei biomarcatori che sono in grado di rivelare il sesso del futuro nascituro dodici giorni prima della schiusa. In questo modo le uova che daranno alla vita pulcini maschi verranno eliminate, mentre solo quelle femmine saranno messe nelle incubatrici e fatte schiudere.

Ma la startup ha ancora da affrontare due problemi principali. Il primo è l’automazione del processo. Ad oggi infatti la macchina che utilizzano è semiautomatica e richiede la presenza di un operatore. Un costo per le aziende non sostenibile. Il secondo è la richiesta del mercato.

Il test costa 10 centesimi

Anche se il test per determinare il sesso del pulcino costa appena 10 centesimi, nell’industria delle uova si tratta di cifre troppo alte che distruggono il margine di guadagno dell’azienda agricola. Rimane comunque più conveniente portare alla schiusa tutte le uova fecondate e procedere solo in un secondo momento alla selezione.

Ecco perché la strategia di In Ovo è stata quella di sensibilizzare le aziende sulle opportunità di marketing rappresentate da allevamenti ‘cruelty free’. Secondo il fondatore di In Ovo infatti sono moltissimi quei consumatori che spenderebbero volentieri pochi centesimi di euro in più a confezione se sapessero che nessun pulcino è stato tritato o soffocato nel processo produttivo.

Ti potrebbe interessare anche

13 piatti assurdi che nel mondo mangiano ma che tu non assaggeresti mai

Uova alla pipì, sformato di larve, insetti sui macaron. Ecco 13 cose che potreste mangiare in giro per il mondo

15 cibi che vi faranno eliminare lo stress (secondo Forbes)

In un libro tutte le proprietà degli alimenti più strani – ma buoni – da inserire nella vostra dieta quotidiana. Come le noci del Brasile che…

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come tre italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

Brandless, il supermercato digitale senza marchi (dove costa tutto 3 dollari)

L’obiettivo è democratizzare l’accesso a prodotti di livello proponendo un prezzo corretto e sostenibile, dicono i fondatori. Al posto di loghi e marchi le principali caratteristiche dei prodotti. E presto arriveranno nuove linee, sempre a prezzo fisso e “no brand”

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi