Pane fresco a casa tutte le mattine? Nasce un ecommerce per ordinarlo

Pane in cassett@ é una piattaforma online sulla quale é possibile ordinare la propria playlist di pane, grissini e dolci, artigianali e di alta qualità, che poi vengono recapitati direttamente a casa del cliente

Il panificio diventa digitale. Pane in cassett@ é una piattaforma di ecommerce sulla quale i buongustai che vogliono cibi di qualità e fatti a mano possono ordinare i prodotti da forno che poi vengono recapitati nel giro di 24 ore. Antonio Follador, panificatore, e Botteghe Digitali, progetto di digital transformation per artigiani ideato da Banca IFIS, Stefano Micelli (Ca’ Foscari) e Giorgio Soffiato (Marketing Arena), hanno presentato il progetto durante Seeds&Chips.

Come funziona il negozio virtuale

Il cliente, attraverso il sito web paneincassetta.panificiofollador.it puó accedere virtualmente al Panifico Follador, curiosare tra le proposte di altissima qualità e in pochi passaggi comporre una playlist di prodotti da forno che saranno recapitati direttamente a casa entro 24 ore. “Il pane è da sempre sulle nostre tavole”, dice Antonio Follador, panettiere da oltre trent’anni. “Aggiungere l’elemento digitale ad una filosofia alimentare ormai consolidata è una sfida nata con Botteghe Digitali. L’obiettivo è riportare il pane di qualità sulle tavole degli italiani grazie ad una personalizzazione del prodotto ed una facilitazione di acquisto e consegna anche a distanza”.

Il cliente modello della panetteria

Con l’assoluta garanzia di genuinità e altissima qualità delle materie prime: tutti i prodotti da forno firmati Follador sono realizzati a mano, con grani antichi macinati a pietra, lievito madre e nessun additivo chimico. Questo mix è in grado di abbassare l’indice glicemico del pane che può durare anche una settimana senza perdere fragranza e morbidezza. “Il mio cliente”, prosegue l’artigiano di Pordenone, tra gli undici che partecipano al programma di accelerazione Botteghe Digitali, “può essere uomo, donna, single, una famiglia numerosa, sportivo, con uno stile di vita attento alla salute: ognuno potrà scegliere una selezione di prodotti su misura, in linea con le esigenze di consumo e con un solo clic se la vedrà recapitare entro poche ore direttamente in cassetta ancora con il profumo di pane appena sfornato che troverebbe nel mio negozio”.
Antonio Follador è uno degli artigiani di Botteghe Digitali, il primo programma di accelerazione che dà racconto di come l’artigianato d’eccellenza del made in Italy può diventare manifattura 4.0. Con lui altri dieci artigiani provenienti da tutti i settori del made in Italy dalla moda al cibo, dal design alla cosmetica, selezionati su 300 candidature da tutta Italia, hanno iniziato un percorso di trasformazione digitale che li porterà ad essere molto diversi da come sono ora grazie al supporto di cinque digital coach.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Birra, insalata, fegato in tutte le salse. E sì, gli insetti li assaggerei…”

Al Questionario di Food risponde Matteo Sarzana, 35 anni, general manager Deliveroo. “Cosa serve alle startup italiane per crescere di più? Fare sistema. Ora siamo battitori liberi”

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore