L’ecommerce di cibo e vino Made in Basilicata, con le ricette degli chef del posto. Godebo

Il progetto di tre lucani per valorizzare i prodotti enogastronomici del territorio e portarli sul mercato nazionale e internazionale. Si possono acquistare ingredienti singoli e anche menu. E ci sono anche i video tutorial per le ricette

Mentre si moltiplicano online i portali di ecommerce dove acquistare i prodotti per la dispensa (vedi Amazon Prime Pantry) e di social cooking, a Bernalda (provincia di Matera) tre ragazzi si chiedono come valorizzare i prodotti enogastronomici tipici del territorio e portarli sul mercato nazionale e internazionale, visto che tra i settori trainanti della Basilicata c’è soprattutto l’agroalimentare. Sono Marcello Torraco, Marco Lapenna e Roberto Colucci: 6 anni fa fondano l’agenzia di comunicazione Amaranto Design ed è proprio il loro know-how nel settore marketing che dà la spinta alla costituzione della startup Godebo. È il portale di ecommerce che mette in rete i prodotti certificati del wine&food della Basilicata per portarli direttamente sulle tavole dei consumatori, attraverso le ricette dei migliori chef. Godebo è online dal 19 settembre 2016, dopo aver stretto una partnership con Treelletti (che gestisce la logistica e il magazzino degli ordini) e alcune associazioni locali di chef, e vuole diventare un vero e proprio format regionale. Come ci spiegano i founder.

Team Godebo

Marco Lapenna, Marcello Torraco, Roberto Colucci, Berny Lepenne (Treelleti)

Che cosa differenzia Godebo dagli altri portali di e-commerce e dai siti amatoriali di ricette?
«Godebo è l’anagramma di “Be Good” e

vuole invitare la gente a sedersi a tavola gustando prodotti locali di alta qualità e che acquisiscono valore e ulteriore sapore se combinati in modo esclusivo con le ricette create dagli chef

e che, grazie ai tutorial on line, posso essere realizzate anche a casa. Si rivolge agli amanti del mangiar bene, alla ricerca di prodotti tipici unici e che non sono acquistabili al supermercato».

Cosa posso acquistare attualmente su Godebo?
«Ci sono due menù completi, Atena e Heraclea, per 4-5 persone, ognuno con quattro portate (antipasto, primo, secondo e dolce) ma c’è anche la possibilità di acquistare singoli piatti, o singoli prodotti nello “Scaffale”: dai vini (molto richiesti) ai salumi, dai legumi alle conserve, dall’olio ai prodotti da forno alla pasta secca o fresca. Una volta scelto cosa acquistare, i prodotti vengono inseriti in contenitori ad hoc, che mantengono intatta la freschezza, e, nel giro di 48 ore (se si è in Italia) o di 4-5 giorni (se si è all’estero), arriva a casa il box Godebo, completo di ricetta firmata dallo chef e QR code che rimanda al tutorial on line per la migliore riuscita del piatto».

Box Godebo

Da dove provengono gli ordini?
«Fino a oggi abbiamo consegnato in tutte le zone d’Italia ma anche in Francia, Belgio e Inghilterra. Stiamo cercando di superare alcune difficoltà per le spedizioni all’estero, nei paesi in cui ci sono delle restrizioni o dei dazi da pagare che influiscono sul costo finale dell’ordine per il consumatore. L’idea è quella di creare una rete di rappresentanti internazionale che sia l’interfaccia di Godebo».

Godebo continuerà ad essere il portale del food&wine made in Basilicata?
«Assolutamente no. Siamo nella versione “beta”, come c’è scritto anche sul portale: siamo partiti autofinanziandoci e senza sapere esattamente dove saremmo potuti arrivare. Fino ad oggi abbiamo raccolto molti feedback positivi e, grazie alla partnership con le associazioni degli chef, stiamo mettendo a punto il futuro di Godebo: nel breve termine, vogliamo che diventi, per la Basilicata, l’anello della filiera agroalimentare e il distributore di raccordo dei produttori locali, anche per colmare quei gap “promozionali” e di visibilità di molte imprese lucane. Ma perché non diventare più grandi e trasformarci in un format nazionale? Godebo può diventare il portale di riferimento dei prodotti tipici regionali e mettere a disposizione degli studi di registrazione per le video-ricette degli chef provenienti da tutta Italia».

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)