Il cartone per la pizza firmato da Apple (con lo zampino di un italiano)

Dopo il brevetto, depositato 7 anni fa, il nuovo contenitore esordisce nei caffè dell’avveniristico Apple Park di Cupertino. Dietro l’idea c’è Francesco Longoni

Come in tutti i prodotti Apple, il design si distingue sempre per la massima essenzialità e pulizia. Prima ancora del contenuto, è il contenitore che fa la differenza. Almeno agli occhi degli appassionati. Che si tratti di un telefono, di un tablet, di un computer, di un orologio oppure di un cartone per la pizza. Sì, di quelli che si usano per il take away o la consegna a domicilio. In questo senso davvero il principe dei contenitori.

 

Design circolare, buchi e niente condensa

La Mela ne ha brevettato uno ben sette anni fa ed è pronta ora a lanciarlo nei caffè e ristoranti dell’Apple Park, la nuova, avveniristica (e gigantesca: 708mila metri quadrati) sede del colosso a Cupertino. Il campus circolare dove in questi mesi si stanno trasferendo i primi dipendenti. Ma in cui i lavori proseguiranno nel corso dell’estate.
Bene, anche il cartone riprende quella forma circolare (che è poi la forma della pizza) ed è disegnato proprio per evitare che la condensa interna renda molliccia la pasta (che probabilmente, visto che è cucinata in California, non dev’essere il massimo neanche appena sfornata). Il prodotto è così tenuto sollevato dal fondo e una serie di buchi sul coperchio (ma quelli non sono una grande invenzione, anche i cartoni della pizzeria sotto casa ne sono da sempre cosparsi) consentono all’umidità di fuoriuscire. Alimentando un ricircolo d’aria studiato per conservare al meglio l’agognato pasto.

Lo zampino di un italiano

Dietro al pezzo forte (ovviamente bianco e scoperto da Wired Usa in una visita ravvicinata al nuovo quartier generale) ci sarebbe un italiano: Francesco Longoni, capo del team della ristorazione all’interno dell’Apple Park. «L’obiettivo del campus – ha spiegato Jony Ive a Steve Levy sul magazine statunitense – è creare un’esperienza e un ambiente che rispecchi chi siamo come compagnia. Questa è la nostra casa e tutto ciò che faremo in futuro partirà da qui».

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)