Il cartone per la pizza firmato da Apple (con lo zampino di un italiano)

Dopo il brevetto, depositato 7 anni fa, il nuovo contenitore esordisce nei caffè dell’avveniristico Apple Park di Cupertino. Dietro l’idea c’è Francesco Longoni

Come in tutti i prodotti Apple, il design si distingue sempre per la massima essenzialità e pulizia. Prima ancora del contenuto, è il contenitore che fa la differenza. Almeno agli occhi degli appassionati. Che si tratti di un telefono, di un tablet, di un computer, di un orologio oppure di un cartone per la pizza. Sì, di quelli che si usano per il take away o la consegna a domicilio. In questo senso davvero il principe dei contenitori.

 

Design circolare, buchi e niente condensa

La Mela ne ha brevettato uno ben sette anni fa ed è pronta ora a lanciarlo nei caffè e ristoranti dell’Apple Park, la nuova, avveniristica (e gigantesca: 708mila metri quadrati) sede del colosso a Cupertino. Il campus circolare dove in questi mesi si stanno trasferendo i primi dipendenti. Ma in cui i lavori proseguiranno nel corso dell’estate.
Bene, anche il cartone riprende quella forma circolare (che è poi la forma della pizza) ed è disegnato proprio per evitare che la condensa interna renda molliccia la pasta (che probabilmente, visto che è cucinata in California, non dev’essere il massimo neanche appena sfornata). Il prodotto è così tenuto sollevato dal fondo e una serie di buchi sul coperchio (ma quelli non sono una grande invenzione, anche i cartoni della pizzeria sotto casa ne sono da sempre cosparsi) consentono all’umidità di fuoriuscire. Alimentando un ricircolo d’aria studiato per conservare al meglio l’agognato pasto.

Lo zampino di un italiano

Dietro al pezzo forte (ovviamente bianco e scoperto da Wired Usa in una visita ravvicinata al nuovo quartier generale) ci sarebbe un italiano: Francesco Longoni, capo del team della ristorazione all’interno dell’Apple Park. «L’obiettivo del campus – ha spiegato Jony Ive a Steve Levy sul magazine statunitense – è creare un’esperienza e un ambiente che rispecchi chi siamo come compagnia. Questa è la nostra casa e tutto ciò che faremo in futuro partirà da qui».

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti