Food Innovation Matching, la piattaforma che mette in contatto aziende e startup

Una piattaforma nata grazie alla collaborazione di Future Food e CIBUS, per mettere in connessione le aziende con le più interessanti realtà del settore agroalimentare

Una piattaforma dedicata alle aziende del settore agroalimentare, pensata per quelle imprese che vogliono innovare grazie alle migliori startup nazionali e internazionali del settore. Si chiama Food Innovation Matching ed è nata grazie alla collaborazione tra il salone dell’enogastronomia CIBUS e l’ecosistema della food innovation di Future Food. La piattaforma punta a migliorare l’efficienza dei processi di innovazione nel settore alimentare mettendo in connessione realtà imprenditoriali, startup e PMI. Questa nuova piattaforma si sviluppa con l’obiettivo di collegare le aziende con il network internazionale di competenze, talenti, centri di ricerca e hub fisici d’innovazione consolidatosi negli anni grazie ai programmi educativi di Food Innovation promossi da Future Food.

L’offerta di Food Innovation Matching accompagnerà le imprese del settore agroalimentare nella definizione dei bisogni di innovazione, nel co-design e nella prototipazione di nuovi modelli e nell’accelerazione di idee. Tutto questo operando con un modello triplice: Community, cioè lavorando alla strutturazione di ecosistemi imprenditoriali; Education, erogando programmi di formazione destinati agli executive; Innovation, attraverso il paradigma dell’open innovation, che innesca e favorisce collaborazioni tra le aziende e le startup. Food Innovation Matching riuscirà in questa sfida grazie alla più importante banca dati italiana di startup e PMI del settore, messa a disposizione da Future Food. Ogni azienda sarà accompagnata a interpretare nella maniera più completa e profonda il paradigma dell’open innovation per accelerare la creazione di valore e aprirsi a nuovi mercati globali.

“ Grazie alle diverse e molteplici esperienze sviluppate dall’ecosistema di Future Food abbiamo capito che l’innovazione è possibile solo con uno sforzo comune. Per questo abbiamo deciso di facilitare le opportunità di contaminazione tra il mondo della ricerca, delle startup e dell’impresa nella filiera agroalimentare” ha detto Sara Roversi, co-founder di Future Food, insieme ad Antonio Perdichizzi: “Food Innovation Matching offre alle aziende del settore agroalimentare soluzioni che rappresentano un’evoluzione nel modo di vivere, raccontare e quindi produrre e vendere il cibo. – spiega Perdichizzi – In particolare, l’area Innovation di FIM presenta per la prima volta un tool costruito su un database di migliaia di startup agritech categorizzate per settore e tecnologia. L’azienda dà l’input, FIM risponde con soluzioni innovative e concrete.”

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)