Una startup ha creato l’orto biologico da tenere in casa

Biopic applica le tecniche usate dai contadini alle tecnologie di derivazione spaziale. Con il progetto “Orto Italiano” vuole rendere immediatamente coltivabile ogni spazio urbano e domestico, dalla cucina a un piccolo cassetto

Portare la natura in città. O meglio, nelle nostre case, e in pochissimo spazio. Si chiama smart urban farming ed è quello che intende fare la startup italo olandese BioPic con il suo progetto Orto Italiano. Un orto biologico a “cm zero”, come lo hanno definito gli stessi realizzatori. «Vivere in una casa senza piante è come vivere senza amici e affetti – spiega Renato Reggiani, Ceo e fondatore di BioPic – si può fare, ma ne vale la pena?». Ecco spiegato allora il loro motto: “riportare la terra in casa e coltivare la città”. Come? Grazie a mini orti biologici che consentano uno sviluppo naturale delle piante e ci permettano di recuperare quel rapporto con la produzione del nostro cibo, ormai perso nelle metropoli.

Dallo spazio alle nostre case

BioPic è ospitata nell’incubatore Bic Lazio ed è parte del programma Smart&Start di Invitalia. In sostanza, applica le tecniche usate dai migliori contadini biologici alle tecnologie di derivazione spaziale, per permetterci di coltivare in casa il nostro cibo. «I nostri sistemi di coltivazione, dal seme alla pianta – spiega Reggiani – rappresentano la realizzazione della nostra mission: coltivare piaceri». Niente chimica dunque, niente idroponica, ma solo soluzioni innovative e sostenibili. «Coltivare insalata, basilico, pomodorini o erbette in casa – continua il suo ideatore – oltre ad essere una gioia per gli occhi e il palato, rende più sostenibile l’ambiente domestico, purifica naturalmente l’aria producendo ossigeno e assorbendo pericolosi inquinanti come la CO2».

(Foto: BioPic)

Coltivare l’orto in un cassetto

Progettate e commercializzate in collaborazione con prestigiosi studi di architettura e industria del mobile, le soluzioni architetturali di Orto Italiano ci permettono di coltivare praticamente in ogni spazio della casa. In cucina, all’interno di un armadio, in una nicchia a parete, in un pensile o anche all’interno di un cassetto. Con vera terra bio e stimolatori di fotosintesi di derivazione spaziale (in grado di sostituire al 100% il sole necessario per la crescita). Sarà possibile far crescere le nostre piante dunque, anche in ambienti con scarsa illuminazione. Del resto, l’orto bio di Biopic ha già tutto quello che serve: semi biologici certificati già inseriti nello speciale materiale biodegradabile, concime naturale, attivatori biologici per proteggere dalle malattie e una nanotecnologia che grazie a microsfere solubili rilascia i nutrienti lentamente. «Ogni Orto BioPic – si legge sulla pagina FB ufficiale – ha la straordinaria capacità di dar vita a qualcosa. Per questo crediamo sia importante dare valore alla vita che esso nutre e custodisce». E certo non potrete dire di non avere abbastanza spazio per farlo.

@antcar83

(Foto: BioPic)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking, due milioni di euro a 7 startup del turismo sostenibile

Alla call hanno partecipato quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi. Il finanziamento più importante a Backstreet Academy che ha ottenuto 400K. L’obiettivo era individuare società in grado di trovare soluzioni nel settore del turismo globale, in particolare sotto il profilo della protezione dell’ambiente

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito