La hostess diventa un robot: si chiama Altran, e servirà pasti e bibite in aereo

Distribuirà anche cibo su misura, e ritirerà i rifiuti circolando autonomamente nel velivolo. Ma servirà il via libera dei regolatori dei cieli

Pensate se in aereo, al posto di steward e hostess, ci fossero dei robot. Non antropomorfi, o almeno non ancora, ma in grado di aiutare gli assistenti di volo a svolgere le mansioni più ripetitive nei confronti dei passeggeri: distribuire pasti, snack e bevande. E recuperare la spazzatura: tovaglioli, confezioni, incartamenti, lattine e bottigliette. Ma soprattutto, in grado di consegnare queste amenità su misura, quando necessario e quando richiesto dal passeggero.

Motore elettrico, sensori di navigazione

L’idea di fondo è della multinazionale Altran che nella sua sede di Amburgo sta progettando un carrello autonomo destinato proprio al food and beverage in alta quota (si vede qui in opera). Si inizia da un concept che valuterà la fattibilità del progetto per poi passare agli stadi successivi. Il carrello si differenzierà solo perché se ne andrà a zonzo per l’aereo da solo con un motorino elettrico e una serie di sensori che gli consentano di valutare file e posti dei passeggeri. Avrà dunque un cervello. A quel punto le possibilità saranno molte. Non solo legate alla ristorazione, che senza dubbio rimane la fase più impegnativa.

Massima personalizzazione

“Come potete immaginare – hanno spiegato gli ingegneri Andreas Maier e Rüdiger Ebeling a Runway Girl Newtork – il secondo passaggio consisterà nel test effettivo per la consegna di bevande, pasti e altro”. Terzo stadio di sviluppo la raccolta dei rifiuti. Quarto e ultimo passaggio, al massimo della personalizzazione, un carrello caricato preventivamente con i pasti preferiti dai passeggeri e in grado di girare per la cabina consegnando il cibo come e quando i viaggiatori desiderano.

Secondo il progetto, i livelli di autonomia del robottino potranno essere controllati dai membri dell’equipaggio: “Al momento si controllano via Wi-Fi – hanno spiegato gli ideatori – stiamo lavorando con Airbus su alcuni progetti per estendere il segnale a tutta la cabina perché di solito la portata normale non garantirebbe la trasmissione e dunque il corretto funzionamento”. Non mancheranno i successivi passaggi regolatori. Le principali organizzazioni, dalla Federal Aviation Administration statunitense all’European Aviation Safety Agency, dovranno dire la loro sul carrello-steward. Ma i papà dell’hostess-robot non si aspettano particolari difficoltà.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)