“Detox”, il percorso di Ivy Moscucci per tornare ai cibi naturali (anche se siete in città)

Un libro che non promette di farvi perdere 20 chili in 20 giorni, bensì che suggerisce un percorso per un’alimentazione naturale, a basso indice glicemico, adatta a diabetici e celiaci. Con le ricette gustose pensate dall’autrice

“Questo non è il solito libro sulla dieta detox. Non è stato scritto con l’intenzione di promettervi una miracolosa disintossicazione generale, magari concentrata su una sola parte del corpo, in sole tre settimane”. Ivy Moscucci lo dice subito, nell’introduzione, e mette le mani avanti. Il suo ultimo libro, “Detox quotidiano” (ed. Gribaudo) non è un manuale per una dieta istantanea, bensì un percorso per cambiare completamente il modo di approcciare il cibo. Il libro si propone di offrire una strada per la disintossicazione del corpo attraverso una cucina naturale, a basso indice glicemico, priva di glutine, latticini e zucchero raffinato. Il manuale si divide in due parti: nella prima troverete tutte le indicazioni per “studiare” questo nuovo regime alimentare, che vi porterà a conoscere sapori e alimenti nuovi, che vi insegnerà a tenere un diario alimentare, a organizzare la spesa e la dispensa, ripulendo la cucina da tutti gli alimenti che potrebbero causarvi – o vi causano già – malesseri e intolleranze. Nella seconda parte l’autrice riporta tutte le ricette che lei stessa ha sperimentato: da quelle più semplici – come preparare la “ricotta” con le mandorle al posto del latte – a quelle più elaborate.

Diminuire l’indice glicemico e rafforzare le difese

L’idea del libro – e del percorso di vita – di Ivy Moscucci nasce da una esigenza seria: il marito di Ivy è affetto da diabete di tipo 1, mentre la stessa autrice soffre di tiroide di Hashimoto, una malattia autoimmune. All’inizio la coppia si curava esclusivamente attraverso farmaci, senza curarsi troppo della dieta. “La nostra alimentazione  – dice Ivy – era basata sulla classica dieta moderna con cibi industriali, anche surgelati e precotti (doveva essere tutto più veloce possibile) e il biologico era quasi inesistente dalla nostra tavola. Ci concedevamo dolci e merende industriali (gelato in quantità esorbitante), cene fuori e la prima preoccupazione nella scelta del menù era solo quella di accontentare le papille gustative”. Poi i due hanno cominciato ad esplorare un nuovo tipo di alimentazione, che diminuisse il bisogno di assunzione di insulina di lui e migliorasse lo stato di salute di lei. “Sono partita quasi da zero, reinventando un’alimentazione che potesse favorire la nostra guarigione (per lo meno nel mio caso)”.

Il libro “Detox” è il frutto di questo percorso, che ha studiato nei minimi dettagli l’indice glicemico di ogni alimento in un’esplorazione di alimenti e ricette.

Tre gli obiettivi che Moscucci, con il suo manuale, si pone: il primo è quello di ideare ricette con alimenti naturali, il secondo è quello di rafforzare il sistema immunitario, il terzo è ricostruire il microbiota, ovvero la colonia di batteri nel nostro apparato digerente. “Questa è l’unica cosa che che ho perseguito con caparbietà, senza mai cedere: mangiare e creare ricette con i migliori ingredienti naturali e biologici con indice glicemico basso, gustose, golose e belle da vedere, ricette che nutrono sia il corpo sia lo spirito”.

Organizzazione nella spesa

Non si promette una dieta tempestiva, ma un percorso per adottare – per sempre – un’alimentazione che faccia stare meglio. Sapreste riconoscere la differenza tra un pomodoro cresciuto in serra da uno cresciuto al sole? Probabilmente no, abituati come siamo ormai ai cibi commerciali.

L’obiettivo dell’autrice è proprio quello di riportare il lettore ad assaporare gli ingredienti della natura, anche se vive in città.

In questo caso, ammette Ivy, adottare un’alimentazione biologica è più difficile, ma non impossibile. E soprattutto, secondo l’autrice, non comporta aumenti di spese, ma solo l’esigenza di una maggiore organizzazione nella vita domestica. “Fare la spesa non vorrà più dire acquistare gli alimenti al primo supermercato che capita, velocemente e distrattamente, senza neanche porre attenzione a quello che si mette nel carrello”. Quindi siete avvertiti: per un’alimentazione disintossicante ci vuole una dispensa organizzata e una mappa di posti precisi dove poter acquistare alimenti naturali. Una volta che avrete fatto questo, non vi resta che seguire le ricette di Ivy (che ha anche un blog).

@carlottabalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking, due milioni di euro a 7 startup del turismo sostenibile

Alla call hanno partecipato quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi. Il finanziamento più importante a Backstreet Academy che ha ottenuto 400K. L’obiettivo era individuare società in grado di trovare soluzioni nel settore del turismo globale, in particolare sotto il profilo della protezione dell’ambiente

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito