Oggi a Seeds&Chips è il giorno di Obama. I giovani al centro del suo intervento

Millennials, startup, food trend e conferenze con grandi ospiti da tutto il mondo al summit internazionale sulla Food Innovation. Obama ospite d’onore

Barack Obama, ex Presidente USA, è arrivato a Milano ieri e, dopo una cena blindatissima a Palazzo Clerici, si prepara al suo intervento come ospite d’onore dell’edizione 2017 di Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit, il summit internazionale sull’innovazione nel settore del food che si concluderà l’11 maggio alla FieraMilano Rho (padiglioni 8-12). L’ex Presidente degli Stati Uniti parlerà dalle 14 alle 16.30 in un talk con Sam Kass, chef-consigliere dell’ex Presidente USA e artefice della rivoluzione salutista alla Casa Bianca. 

L’ex presidente degli Stati Uniti dopo essere atterrato a Linate si è trasferito in città con un corteo di 14 auto, aperto dai poliziotti in moto e chiuso da un’auto della Polizia locale, mentre un elicottero sorvolava la zona. Tutti gli incroci presidiati dai vigili che hanno fermato il traffico, in molti sono scesi dalle auto o i sono fermati ai semafori per scattare foto.  Impossibile però riprendere lui, dietro i vetri oscurati dell’auto del Secret Service.

Nel pomeriggio Obama ha visitato la Pinacoteca Ambrosiana e il Duomo, accompagnato dall’arciprete Gianantonio Borgonovo.

Poi l’incontro con Matteo Renzi al Park Hyatt di Milano. I leader hanno parlato di Europa e della situazione internazionale.  In serata  in pieno centro è stata organizzata una cena cena privata con ospiti selezionati tra cui Marco Gualtieri, fondatore e organizzatore di Seeds&Chips.  “Durante la cena – ha raccontato Gualtieri in un’intervista – Obama ha concentrato la conversazione sulle nuove generazioni e sui giovani. E’ convinto che il cambiamento arriverà da loro. Secondo Obama, molte cose sono successe perché non si parla adeguatamente ai giovani. Bisogna creare dei leader e dei linguaggi che parlino alle nuove generazioni. Anche Seeds&Chips si basa tutto sui giovani. Le conferenze, compresa quella che farà Obama  sono aperte tutte da teenager. Questa cosa gli è piaciuta molto”.

 

Leggi anche: Innovazione e food secondo i millennials: se ne parla al summit Seeds&Chips
Leggi anche: Food innovation, nanotecnologie e i progressi di iCub: anche IIT protagonista a Seeds&Chips

#UPDATE 8 MAGGIO 2017

Anche quest’anno il Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari del Cnr (Disba-Cnr) è stato chiamato ad assumere il ruolo di advisor scientifico di Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit. «Siamo onorati – ha dichiarato Francesco Loreto, direttore del Dipartimento di scienze bio-agroalimentari del Cnr – che i nostri ricercatori abbiano di nuovo l’opportunità di presenziare numerose conferenze che si svolgeranno durante la manifestazione, soprattutto per evidenziare il ruolo fondamentale che svolge la ricerca nel campo della Food Innovation, con lo scopo di contribuire al progresso delle conoscenze scientifiche e tecnologiche utili per lo sviluppo e la valorizzazione di un sistema agroalimentare sostenibile e innovativo, contribuendo ad affrontare le grandi sfide globali del futuro della terra». Fra i temi che verranno affrontati dai ricercatori Cnr avrà grande rilievo quello dei New and Super Foods con lo scopo di «sottolineare il ruolo degli alimenti nutraceutici e funzionali nel miglioramento dello stato fisiologico degli individui e nella prevenzione delle malattie”, come ha spiegato  Vincenzo Longo ricercatore e responsabile della sezione di Pisa dell’Istituto di biologia e biotecnologia agraria del Cnr (Ibba-Cnr). Il Summit vedrà inoltre la partecipazione di Mario Malinconico, direttore di ricerca dell’Istituto polimeri, compositi e biomateriali del Cnr di Pozzuoli (Ipcb-Cnr), svilupperà il tema dell’imballaggio alimentare in bioplastiche e delle nuove frontiere della ricerca per accoppiare alla loro sostenibilità ambientale altre funzioni per il prolungamento della shelf-life degli alimenti. Nell’ambito che si riferisce al legame tra alimentazione, medicina e tecnologia, Angelo Facchiano primo ricercatore presso l’Istituto di scienze dell’alimentazione del Cnr (Isa-Cnr), mostrerà i risultati di studi all’avanguardia per comprendere, con approcci di simulazioni molecolari, il possibile ruolo sulla salute di componenti degli alimenti.

Un evento per raccogliere l’eredità di Expo

Ideato e curato da Marco Gualtieri, Seeds&Chips (quest’anno alla terza edizione) punta a fare di Milano la capitale internazionale della food innovation, raccogliendo l’eredità di Expo per far fronte a una delle maggiori sfide globali: il cambiamento climatico e l’approvvigionamento di cibo in un pianeta sempre più popolato e con risorse sempre più scarse. Dalle nuove tecniche di produzione alimentare, alla nutrizione del futuro fino alla food security e al diritto al cibo, sano, sostenibile e accessibile a tutti, Seeds&Chips affronterà tutti gli aspetti delle sfide alimentari mondiali. «Siamo onorati che l’ex Presidente Barack Obama venga per la prima volta a Milano per Seeds&Chips: è un importante segnale di attenzione verso Milano, l’Italia e il percorso iniziato con Expo 2015 – ha commentato Marco Gualtieri, fondatore di Seeds&Chips – con l’intervento dell’ex Presidente Obama a Seeds&Chips Milano torna protagonista per le food policies a livello internazionale. Nel 2015 Expo ha puntato i riflettori su Milano: oggi abbiamo la responsabilità di portarne avanti l’importante eredità. E’ fondamentale trovare soluzioni per affrontare le grandi sfide legate all’aumento della popolazione globale, alla food security, alla sostenibilità e al climate change: sono convinto che Milano e l’Italia possano diventare punto di riferimento internazionale per i temi dell’innovazione e della ricerca in questo campo».

Nelle nuove tecnologie la risposta alle sfide mondiali

«Con questa edizione di Seeds&Chips, e con la partecipazione straordinaria di Barack Obama, Milano e l’Italia tornano centri mondiali del food e della food innovation dopo Expo –  ha aggiunto sempre Marco Gualtieri – nelle nuove tecnologie possono infatti trovare risposta ad alcune tra le maggiori sfide mondiali: sicurezza alimentare, nutrizione, lotta agli sprechi, sostenibilità, cambiamento climatico. E l’Italia può avere un ruolo di primo piano in questo settore, unendo la tradizione d’eccellenza in campo alimentare e l’innovazione: sono centinaia le start up attive sul nostro territorio, le aziende, i soggetti attivi in questo campo. Con Seeds&Chips abbiamo voluto unire questi soggetti e fare sistema perché Milano e l’Italia diventino un punto di riferimento della food innovation a livello internazionale».

Feeding the cities, apre il sindaco Sala

Al summit saranno presenti startup, aziende, istituzioni, investitori, acceleratori e incubatori, con una parte dedicata alle conferenze, tenute da opinion leader del settore food e food-tech. Nella parte espositiva le startup presenteranno le loro proposte, mentre gli speaker si confronteranno sugli scenari più significativi dell’alimentazione, della produzione e dell’approvvigionamento di cibo. In particolare, alla special conference “Feeding the Cities – Urban and Vertical Farming” dedicata alla coltivazione sostenibile nelle grandi metropoli, prenderanno parte i sindaci delle principali capitali mondiali con il keynote speech del Sindaco di Milano Giuseppe Sala ad aprire i lavori. Alla conferenza “Food Security for developing countries” si affronterà invece il tema dell’approvvigionamento alimentare nei Paesi in via di sviluppo.
«Sono davvero orgoglioso che Milano, dopo aver accolto Michelle, ospiterà Barack Obama, un uomo verso cui nutro una grande ammirazione – ha dichiarato il sindaco Giuseppe SalaSeeds&Chips sarà un’occasione per riportare all’attenzione di tutti un tema estremamente importante e profondamente legato alla nostra città che, con il Milan Urban Food Policy Pact, ha dimostrato di avere la capacità e la forza di guidare e farsi portavoce di un cambiamento più che mai necessario. Il documento che ha saputo tradurre in azioni le politiche alimentari al centro di Expo 2015 si fonda non solo su progetti concreti per ridurre lo spreco e garantire l’accesso al cibo sano, ma anche sulla collaborazione tra tutte le grandi città del mondo. Si tratta dei due ingredienti fondamentali per raggiungere l’obiettivo e la presenza dell’ex Presidente degli Stati Uniti non potrà che dare ancora più forza al nostro messaggio».

Sam Kass, chef-consigliere dell’ex Presidente USA e artefice della rivoluzione salutista alla Casa Bianca

Istituzioni, imprese, high tech e Big Data

Oltre all’ex Presidente USA Barack Obama, saranno tante le illustri presenze internazionali e italiane: Kerry Kennedy, Presidente del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights. Sam Kass, chef-consigliere dell’ex Presidente USA e artefice della rivoluzione salutista alla Casa Bianca. il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Maurizio Martina, Livia Pomodoro, Presidente del Milan Center for Food Law and Policy, Fabio Gallia, Ad di Cassa Depositi e Prestiti. Luigi Bonini, Senior Vice President, Global Product Innovation di Starbucks. Il Presidente di Illycaffé Andrea Illy. L’ex Ad di Esselunga Giuseppe Caprotti. Il Vice Presidente di Slow Food International Edward Mukiibi; la fondatrice e Presidente di Food Tank Danielle Nierenberg. Presenti anche diversi esponenti della Commissione Europea e del Parlamento Europeo. Le sessioni di approfondimento spazieranno dai temi caldi dell’hi-tech, come i big data, le applicazioni delle stampanti 3D nel food o le tecnologie nel ristorante e il supermercato del futuro, alla crescita della sharing economy, all’impatto dei millennials con la conferenza “How millennials are changing the food industry” o l’innovazione dei superfood. Seeds&Chips è in collaborazione con TUTTOFOOD 2017, con un’azione sinergica generativa di effetti virtuosi per molti settori del sistema Paese.

Le startup

Le startup, aziende e incubatori provenienti da tutto il mondo porteranno idee e soluzioni legate tra loro dal fil rouge dell’innovazione tecnologica come chiave di volta per la definizione di un universo alimentare sostenibile e accessibile a tutti. Dal campo alla tavola e oltre è il percorso che Seeds&Chips ha tracciato per accompagnare i visitatori e i cittadini verso una nuova coscienza alimentare. Un processo di acquisizione della conoscenza in 5 tappe che inizia idealmente dallo sviluppo di innovative soluzioni tecnologiche di coltivazione e prosegue con la produzione di “cibi del futuro”, le ultime tecniche di confezionamento e distribuzione, fino al raggiungimento e alla condivisione vera e propria di questa nuova consapevolezza. Cinque punti di snodo rappresentativi di altrettante macro aree entro cui gli espositori di Seed&Chips disegnano il futuro dell’alimentazione. Ag Tech: la tecnologia applicata all’agricoltura, e quindi l’agricoltura di precisione, le tecniche di coltivazione idroponica, acquaponica, gli orti verticali, droni e sensori come strumenti a supporto dell’agricoltura. Trasformazione: la definizione dei cibi del futuro, il controllo dei processi, il packaging, la stampanti 3D, i super food. Distribuzione: lo smart packaging, i marketplace, il supermarket del futuro, l’e-commerce, i pagamenti online, le etichette intelligenti, la logistica di domani. Salute e nutrizione: la nutrizione e la cucina di precisione, la nutraceutica, i big data, la smart kitchen. Conoscenza e condivisione: sharing economy, crowdfunding e crowdsourcing, cognitive cooking, food patenting etc.

Start up initiative

Un’opportunità per le startup sarà offerta da IntesaSanpaolo, con la piattaforma internazionale di accelerazione del Gruppo, Start up initiative: le idee più promettenti potranno ricevere formazione e feedback del valore di diverse migliaia di euro, a cura di coach qualificati ed esperti, con l’obiettivo di prepararle all’incontro con investitori e imprese. A SaC l’attenzione sarà posta sulle tecnologie abilitanti all’Industry 4.0 per la catena del valore del settore Agrofood. Quelle che verranno selezionate potranno esporre il loro progetto ad un pubblico di 150 investitori, corporazioni e attori del sistema dell’innovazione durante Seeds&Chips.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La startup di Firenze che aiuta chi affitta camere, appartamenti e B&B. Keesy

Patrizio Donnini ha sviluppato un servizio di check-in e check-out automatizzato per chi fa home sharing. I Keesy Point, localizzati in punti strategici di arrivo come stazioni e aeroporti, sono aperti 24 ore su 24, per garantire la massima libertà di host e guest. Si parte da Firenze, poi sarà la volta di Roma, Milano e Venezia