Wineowine cerca persone che girino l’Italia alla ricerca dei migliori vini (ma non le trova)

Si tratta di viaggiare 250 giorni all’anno e assaggiare vini nelle cantine italiane: necessaria la qualifica come Assaggiatore Professionista

Quante cantine di eccellenza ci sono in Italia? Quanti vini si possono gustare, da nord a sud, provenienti da produttori magari dai nomi altisonanti, ma la cui offerta è assolutamente d’alto livello. La startup romana Wineowine si occupa di cercare le migliori cantine e vendere in un portale e-commerce vini di qualità di piccoli produttori italiani selezionati da un gruppo di esperti che fanno un lavoro analogo a quello degli osservatori calcistici: girano l’Italia alla ricerca delle eccellenze. La startup è nata nel 2014 e ed ha raccolto lo scorso anno 800 mila euro di investimenti da fondi come PiCampus e LVenture Group. Oggi l’azienda è alla ricerca di “osservatori del vino” da inviare per il Paese a scovare le migliori cantine italiane: un lavoro che richiede amore per il vino e passione per il viaggio. Potrebbe sembrare un lavoro dei sogni, eppure la startup fatica a trovare le persone con le competenze giuste.

Viaggiare per l’Italia (con un accompagnatore a scelta)

“Si tratta di un lavoro usurante che richiede oltre 250 giorni di viaggio l’anno che premiamo con la possibilità di portarsi dietro un accompagnatore – spiegano da Wineowine –  Si ha l’opportunità di assaggiare migliaia di vini, conoscere centinaia di produttori e soggiornare nelle più belle zone vinicole d’Italia. E’ necessaria una qualifica professionale riconosciuta come quella di Sommelier e Assaggiatore Professionista oppure una comprovata esperienza nella degustazione del vino. Probabilmente, se sei un appassionato di vino, si tratta del lavoro più bello del mondo”.

Selezioni aperte

In Italia, secondo l’Istat, ci sono quasi 100 mila produttori ma la grande maggioranza (il 95%) è di ridotte dimensioni. Proprio per questo molte realtà di ottima qualità faticano a raggiungere una buona visibilità e arrivare al cliente finale. Il lavoro di “osservatore” che Wineowine offre è quello di trovare i piccoli produttori d’eccellenza, assaggiarne i vini, e portare alla luce etichette che altrimenti resterebbero sconosciute. “Finora abbiamo sempre visitato i produttori nelle fiere di settore o sono stati loro a contattarci per inviarci una campionatura e farci degustare i loro vini. – spiegano Federico Laurentino De Cerchio (29 anni) ed Eros Durante (32 anni), co-fondatori di Wineowine – Vogliamo però fare di più. In questi 3 anni dal lancio di Wineowine ci siamo accorti che molti produttori sono concentrati solo sul prodotto e dedicano tutto per creare dei grandi vini. Poi però non hanno le risorse e le competenze per commercializzarli e farli arrivare al consumatore finale. Così spesso tante eccellenze rimangono invendute in cantina”.

Per partecipare alle selezioni scrivere qui.  

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)