Un robot consegnerà a domicilio la pizza di Domino’s in Europa

Il progetto pilota partirà in collaborazione con Starship Tecnhologies in alcune città della Germania e dell’Olanda e consentirà alla nota catena americana fondata negli anni Sessanta di continuare il suo piano di crescita e innovazione iniziato nel 2009

Se fino a questo momento Domino’s era solo una delle catene di pizza americana più famose, oggi la tecnologia dei robot ne sta facendo qualcosa di più. Dal Michigan, dove è nata negli anni Sessanta, il servizio di consegna a domicilio potrà presto fare a meno dei fattorini. L’azienda ha annunciato che entreranno in azione dei robot in grado di girare per le città e consegnare le ordinazioni. «Con i nostri piani di crescita dei prossimi dieci anni, non avremo sufficienti addetti alla consegna se non pensiamo a iniziative come questa», ha detto in un comunicato l’amministratore delegato di Domino Don Meij.

Il progetto pilota con Starship Technologies

Il progetto pilota partirà in alcune città tedesche e olandesi con i robot prodotti dalla startup Starship Technologies che saranno in grado di effettuare le consegne in un raggio di un miglio dai punti vendita di Domino. All’inizio è previsto l’impiego di cinque robot, ma l’intenzione è quella di estendere il progetto anche ad altre nazioni europee con un conseguente ingrandimento della flotta. I robot possono raggiungere una velocità media di 6 chilomentri all’ora e la consegna di solito è assicurata entro 15-30 minuti dall’ordinazione. I mezzi sono dotati di Gps che aiutano l’orientamento e di videocamere e sensori di movimento per evitare gli ostacoli. I robot si muovono per il momento solo sui marciapiedi e possono portare un carico ridotto.

I robot che piacciono anche alla Mercedes Benz

I robot di Starship sono già in uso a uno dei concorrenti di Domino’s in Europa, Just Eat, e a due aziende statunitensi, DoorDash and PostMates. Queste esperienze hanno dimostrato già l’efficienza del sistema che è destinato a diffondersi sempre di più. Nel settembre 2016 Mercedes Benz ha lanciato un furgone per la distribuzione e la ricarica dei robot in città. La nota casa automobilistica ha guidato un round di investimento di 17,2 milioni di dollari nella startup Starship.

Domino’s cresce più di Google e Apple

L’impiego dei robot è un ulteriore tassello della crescita che ha interessato negli ultimi anni Domino’s. Il prezzo delle azioni della catena della pizza ha registrato un aumento superiore a quello di colossi del calibro di Google, Facebook, Amazon e Apple, a seguito di un processo di rinnovamento aziendale cominciato nel 2009. Più qualità, ma anche innovazione per il rilancio di una società che per anni aveva puntato solo sulla velocità e sull’efficienza della consegna, senza badare troppo a ingredienti e manifattura. Domino’s aveva provato a lanciare altre iniziative ad altro contenuto tecnologico come il Domino’s Easy Order Emergency Pizza che si collega direttamente al negozio più vicino alla propria abitazione, tramite il Wi-Fi casalingo, per procedere a ordinazioni quasi istantanee.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)