Chowbotics, la startup dei cuochi-robot: la prima è Sally, che prepara 1000 insalate diverse

Nel mirino della società californiana, che ha appena raccolto 5 milioni di dollari, ci sono anche colazioni, burritos, tacos e cibi etnici

Macchine pensate su misura per fare cose vecchie e nuove. La prima si chiama Sally the Salad Machine. Ma nei progetti di Chowbotics, curiosa startup composta non proprio da giovanotti e per giunta provenienti da posti diversi, c’è molto altro. Le loro idee sembrano funzionare bene, se è vero che la società ha appena raccolto 5 milioni di dollari in un massiccio round di finziamento iniziale per dare un futuro al lavoro di ricerca sui robot cuochi.

Come funzionano i robot cuochi

Si tratta di macchine progettate e disegnate per preparare cibo espresso in ristoranti, caffetterie e alberghi, così come in qualsiasi altro posto, dagli ospedali agli aeroporti. Il fatto è che non si tratterà di portate tutte uguali, per la noia di chi mangia, ma di piatti con centinaia di possibilità di personalizzazione.

Proprio come Sally, la prima partorita dal gruppo di lavoro, in grado di sfornare più di mille tipi di insalate diverse grazie a 20 grossi tubi che contengono gli ingredienti.

Stando alle rassicurazioni del Ceo Deepak Sekar, Sally è appena uscita dalla fase pilota ed è pronta a sbarcare sul mercato. Si tratta anzitutto di soluzioni pensate per i contesti elencati sopra, ma nel giro di qualche anno potrebbero perfino arrivarne delle versioni casalinghe. Chissà. “Negli anni Sessanta avevamo computer grandi come una stanza e costosissimi – ha spiegato Sakar – questo era il contesto. Poi sono arrivati quelli piccoli, più accessibili, negli anni Settanta. Ci sono voluti altri dieci anni perché sbocciasse il pc. Oggi, l’industria del cibo sta affrontando una fase simile a quella degli anni Settanta, in cui i robot escono dalle fabbriche ed entrano nelle cucine commerciali”. Un’analisi che non fa una piega.

 

I primi clienti

Fra i primi clienti, Sally finirà in diversi ristoranti: al Mama Mia di Campbell, in California, al coworking Galvanize di San Francisco così come nella caffetteria aziendale della H-e-b Grocery in Texas. E così via. La società ne sta costruendo anche una versione automatica, che non abbia cioè bisogno dell’intermediazione dello chef (o di ciò che ne rimane, dopo che il robot lo ha sostituito sostanzialmente in tutta la preparazione) ma funzioni come una sorta di distributore automatico intelligente di nuova generazione. Le insalate preparate da Sally – così come tutte le pietanze che i prossimi robot sforneranno – sono infatti fatte su misura: i consumatori sapranno esattamente quante calorie conterranno, per esempio. Questo perché verranno realizzate in base a un ricco elenco di ricette precaricato nel cervellino del robot oppure personalizzate a dal consumatore con pochi tocchi. L’obiettivo è appunto l’ambito delle grandi catene, dove di solito sono disponibili solo poche varianti d’insalata, tendenzialmente molto cariche di ingredienti.

Il prototipo di macchina automatica. Quella per le cucine industriali è già pronta

I prossimi progetti

Il prossimo passo? Colazioni, tacos, burrito, altri cibi etnici. Non c’è limite alle opportunità che Chowbotics ha di fronte. Per ora queste macchine chef hanno convinto investitori come Foundry Group, Techstars Ventures, Galvanize Ventures e Geekdom Fund.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banca etica stanzia 90K per progetti di promozione culturale (per il crowdfunding)

Fino al 26 maggio è possibile partecipare alla selezione di 15 progetti da inserire sulla piattaforma di Produzioni dal Basso. Il bando è aperto a proposte di produzioni culturali che promuovono la sostenibilità sociale, ambientale o nuove forme di cittadinanza attiva

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity