Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Merendine, biscotti, yogurt, bibite gassate, dolciumi: riuscite a immaginare quanti zuccheri contengono? Il progetto fotografico spagnolo SinAzucar punta a far visualizzare la precisa quantità di zucchero raffinato contenuto negli alimenti, affiancando al singolo biscotto le zollette corrispondenti. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità non si dovrebbero assumere più di 50 grammi di zucchero al giorno: il progetto SinAzucar mira a disincentivare il consumo eccessivo di dolciumi e prodotti confezionati (soprattutto tra i bambini) proprio mettendo in bella mostra l’enorme quantità di zuccheri contenuti. Qualche esempio di seguito:

Un bicchiere di yogurt da bere Danone (300ml) contiene 35,7g di zucchero, equivalente a 8,9 zollette.

Un bicchiere di succo di frutta Minute Maid (300ml) contiene 42,9g di zuccher, equivalente a 10,7 zollette.

Un barattolo di salsa di pomodoro (300g) contiene 45g di zucchero, equivalente a 11,25 zollette.

Il 56,8% di un barattolo di Nutella è zucchero

Una lattina di Coca Cola Life (330ml) contiene 19g di zucchero, equivalente a 4,75 zollette.

Una lattina da 473ml di Red Bull contiene 52g di zucchero, equivalente a 13 zollette.

6 pezzi di sushi contengono 12g di zucchero, equivalente a 3 zollette.

Un Toblerone (100g) contiene 59,5g di zucchero, equivalente a 14,9 zollette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking, due milioni di euro a 7 startup del turismo sostenibile

Alla call hanno partecipato quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi. Il finanziamento più importante a Backstreet Academy che ha ottenuto 400K. L’obiettivo era individuare società in grado di trovare soluzioni nel settore del turismo globale, in particolare sotto il profilo della protezione dell’ambiente

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito