Che effetto hanno i probiotici nello Spazio? Al via la sperimentazione in microgravità

Yakult e la Japan Aerospace Exploration Agency hanno cominciato a studiare l’effetto dei probiotici in condizioni di microgravità già nel 2014: quest’anno verrà avviata la sperimentazione nella Stazione Spaziale Internazionale

 

La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) ha annunciato l’inizio della sperimentazione sul consumo dei probiotici (Lactobacillus Casei Shirota) nella Stazione Spaziale Internazionale, in collaborazione con l’azienda Yakult. Le due fin dal 2014 sono impegnate nello studio degli effetti dei probiotici sul sistema immunitario e sul microbiota intestinale in condizioni di microgravità. Lo scopo di questa ricerca comune è di contribuire alla preservazione e al miglioramento della salute e delle performance degli astronauti. La volontà però è anche quella di contribuire alla promozione generale della salute dell’uomo sfruttando le conoscenze ottenute grazie a questo impegno condiviso nella ricerca sullo sviluppo dei probiotici.

Lo studio che sarà avviato si basa sui risultati delle attività di ricerca condotte a terra tra il 2014 e il 2015 e sui test di conservazione delle capsule contenenti batteri probiotici vivi liofilizzati (Lactobacillus casei Shirota) condotte a bordo della ISS nel 2016. È stato confermato che il numero dei probiotici vivi contenuti nel campione spedito a bordo della ISS era pari a quello del campione di controllo conservato a terra. Yakult e JAXA inizieranno la sperimentazioneattraverso uno studio scientifico sugli effetti di un consumo prolungato di probiotici sul sistema immunitario dell’uomo e sul microbiota intestinale degli astronauti impegnati per lunghi periodi a bordo dell’ISS.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come tre italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

Brandless, il supermercato digitale senza marchi (dove costa tutto 3 dollari)

L’obiettivo è democratizzare l’accesso a prodotti di livello proponendo un prezzo corretto e sostenibile, dicono i fondatori. Al posto di loghi e marchi le principali caratteristiche dei prodotti. E presto arriveranno nuove linee, sempre a prezzo fisso e “no brand”

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi