Se non sai cosa cucinare, chiedi al chatbot

Paneangeli ha realizzato un chatbot per interagire con gli utenti di Facebook e consigliare la migliore ricetta a partire da un ingrediente o un’occasione

 

Quando non sapete cosa cucinare, quando avete solo pochi ingredienti e non sapete da dove partire potete chiedere al chatbot: una intelligenza artificiale che dal vostro telefono vi risponderà prontamente con consigli e ricette di cucina. Il chatbot per le ricette dolci e salate l’ha realizzato Paneangeli (Cameo): voi aprite il vostro Facebook Messenger, chiedete aiuto, e lui vi risponderà.

Chatbot PA_1

Dall’ingrediente alla ricetta

Per conversare con il chatbot, basta visitare la pagina Facebook Paneangeli e cliccare su “Invia messaggio”. La conversazione può partire con una parola o con un’immagine di un dolce, un ingrediente o un’occasione: il chatbot vi proporrà delle ricette inerenti con quello che avete chiesto. La prima versione del chatbot, nonostante sia attiva soltanto da pochi giorni, conta quasi 8.000 utenti attivi e registra circa 55.000 interazioni complessive. La versione del chatbot di Paneangeli è sperimentale ed è in corso di evoluzione: il piano di sviluppo prevede, infatti, l’aggiornamento dei contenuti e delle funzionalità. Il progetto è stato realizzato grazie alla piattaforma di comunicazione multicanale di Ubiquity.

57ea369a4e01c_028-paneangeli-visore-maggio-1617-modifica-modifica

No Commenti a “Se non sai cosa cucinare, chiedi al chatbot”

  1. Matteo

    Arcangelo sono completamente d’accordo con te. La struttura mastodontica delle Banche, che in gergo si definisce rapporto cost/income, è una delle cause principali di bassa, se non nulla, redditività. Purtroppo non è ancora chiaro che quel modello di business non è sostenibile, o forse lo è, ma è dura licenziare in tronco qualche migliaia di persone, “apparentemente” (si fa per dire) senza motivo. Nei prossimi anni ci sarà un’ondata di fuoriuscite di personale dal sistema bancario. Inoltre, la lentezza a recepire il cambiamento tecnologico sta creando un mix esplosivo e vizioso che farà capitolare su se stesse diverse Banche. Meglio così, un pó di distruzione creativa ogni tanto serve a fare pulizia delle inefficienze….tanto poi possiamo dare la colpa a Draghi…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aumento di capitale da 30M per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

La centrifuga di Iscleanair ripulisce l’aria dagli inquinanti senza usare filtri

La scaleup, che è inserita nel programma di accelerazione Eit Digital, propone un dispositivo in grado di migliorare la qualità degli ambienti interni ed esterni, sfruttando l’abbattimento in acqua. La sua soluzione può aiutare anche la rigenerazione urbana